Lodi, il Volta ai tempi del Coronavirus

Lodi, il Volta ai tempi del Coronavirus

Sarà presentato sabato, online, il libro con le riflessioni di studenti, genitori e personale scolastico, elaborate durante la precedente ondata pandemica

”Il Volta ai tempi del coronavirus”. Sarà presentato sabato, online, il libro frutto del concorso emanato lo scorso anno scolastico durante la prima emergenza epidemiologica.

«Il libro sarà distribuito gratuitamente a tutti gli studenti e famiglie del Volta, non appena si potrà rientrare a scuola - spiega la preside del Volta Luciana Tonarelli -. È visibile anche in formato digitale sul sito della scuola. È un lavoro molto interessante, ma, soprattutto di grande significato emotivo e culturale per ricordarci dei momenti che abbiamo passato nella primavera 2020, quando si è avuta la propagazione del virus Covid 19 , momenti che ,purtroppo, stiamo rivivendo ancora».

La preside Luciana Tonarelli (foto Paolo Ribolini)

La preside Luciana Tonarelli (foto Paolo Ribolini)

Hanno partecipato con i loro lavori circa 100 fra studenti, genitori e docenti. I lavori presentati e selezionati per il libro sono stati poesie, temi, post, pensieri, manufatti artistici,slogan e testi di canzoni. L’obiettivo del concorso era quello di far emergere riflessioni personali ed emozioni scaturite durante il periodo di sospensione dell’attività didattica a seguito dell’emergenza Coronavirus.

«Come si legge nel bando del Concorso siamo fortemente convinti che la scuola debba e possa stimolare riflessioni su quello che è accaduto e che sta accadendo , che ha colpito pesantemente la nostra vita - dice la dirigente -, cercando di sviluppare una visione critica della realtà».

«Ci auguriamo che il libro oggi incoraggi tutti i lettori a guardare avanti perché quando questa “tempesta” sarà finita, nulla e nessuno sarà più come prima . Avremo la possibilità di essere migliori e tutto dipenderà da noi. Nelle giornate di isolamento forzato, ha trovato spazio la forza dirompente del pensiero che è lo strumento più potente che avremo a disposizione per ricostruire un paese che avrà bisogno delle idee, delle competenze, e dell’impegno di tutti , soprattutto dei nostri giovani, per ripartire. Questo pensiero ha trovato espressione nel lavoro richiesto dal concorso e ha aiutato a far emergere tutte le emozioni provate in questi momenti terribili».

«Sono stati selezionati per un premio i primi dieci classificati . Questi lavori, premiati, volutamente sono inseriti nel testo insieme agli altri, senza darne evidenza particolare, perché tutti i lavori meritavano una menzione».

«L’istituto ha avuto un contributo per la pubblicazione del libro da parte dei Lions del lodigiano che ringraziamo vivamente per aver creduto nel nostro progetto».

L’Istituto ha lanciato una campagna di crowdfounding sulla nuovissima piattaforma del ministero dell’istruzione IDEARIUM. https://idearium.pubblica.istruzione.it/crowdfunding/

«È un piccolo gesto, assolutamente libero - dice la scuola -, che ci sembra utile soprattutto per condividere e per partecipare concretamente a questo progetto che ci dà luce e speranza in un anno orribile, da dimenticare.

Ringrazio tutti coloro che hanno partecipato con le loro opere al concorso e ai docenti della commissione che hanno selezionato e condiviso tutti i lavori presentati. Un ringraziamento particolare al professor Matteo Bargellini che si è occupato della stesura grafica del progetto del libro».

Il link per la partecipazione sarà inviato via mail ai protagonisti del libro e a chiunque fosse interessato a partecipare. Lasciate pure il vostro indirizzo di posta.


© RIPRODUZIONE RISERVATA