Lodi e Codogno tra arte e storia nelle giornate Fai di primavera
Il presidente della Provincia Francesco Passerini tra Elisa Frontoni (delegato Fai del Basso Lodigiano) e Monja Faraoni a capo della delegazione di Lodi

Lodi e Codogno tra arte e storia nelle giornate Fai di primavera

Sabato e domenica le visite guidate all’Ospedale Vecchio nel capoluogo e al cimitero nella Bassa

Due luoghi ricchi di arte e storia, ma anche due luoghi simbolo della pandemia nel territorio. In occasione della Giornate Fai di Primavera, in programma sabato e domenica, la Delegazione di Lodi aprirà le porte del complesso dell’Ospedale Vecchio del capoluogo in piazza Ospitale e proporrà un percorso tra le tombe storiche del cimitero di Codogno. Le visite guidate saranno condotte da un nutrito gruppo di studenti che si sono documentati sulla storia dei due siti: a Lodi i partecipanti saranno accolti dai liceali del “Piazza”, del “Gandini-Verri” e del “Maffeo Vegio”, mentre a Codogno saranno presenti i “ciceroni” del Liceo “Novello”. Per partecipare ai due percorsi è necessaria la prenotazione online attraverso il sito del Fai (www.fondoambiente.it/il-fai/grandi-campagne/giornate-fai-di-primavera/); al momento della prenotazione verrà chiesta una donazione a partire da 3 euro come conferma. Le visite all’Ospedale Vecchio di Lodi si terranno sabato e domenica dalle 10 alle 17 e saranno riservate a gruppi di 10 persone al massimo che potranno entrare ogni trenta minuti circa; il percorso tra le tombe storiche del cimitero di Codogno si svolgerà invece in orario pomeridiano, tra le 14.15 e le 17, in entrambe le giornate.


Leggi l’approfondimento sull’Edizione de Il Cittadino di Lodi in edicola mercoledì 12

© RIPRODUZIONE RISERVATA