Le storie di Boffelli «il contadino che è diventato uno scrittore»
Gianfilippo Boffelli

Le storie di Boffelli «il contadino che è diventato uno scrittore»

Davide Van De Sfroos ha citato in radio la raccolta di racconti del codognese

Davide Van De Sfroos (di cui è fan della prima ora e che conosce personalmente) è stato il primo ad avere il suo libro e chissà che soddisfazione sarà stato sentire il noto cantautore e scrittore lombardo leggere perfino in radio l’estratto di un suo racconto. «Mi ha definito “un contadino che è diventato scrittore” ma io scrittore non mi sento proprio. Sono contadino fino al midollo. E così resto», questo rimarca Gianfilippo Boffelli, allevatore di vacche da latte da quattro generazioni alla Triulza di Codogno. Proprio qui Boffelli ogni giorno continua con passione il suo lavoro; proprio qui, nella sua cascina che fa da ingresso alla storica frazione codognese, ha dato forma al libro “Il passato non è passato – Ricordi della civiltà contadina” edito dalla piacentina Libreria Internazionale Romagnosi. Pagine di brevi racconti («storie» le chiama Boffelli), dove nulla è di fantasia ma tutto affonda radici in quella realtà di vita contadina che è sì memoria ma è anche costante lavoro quotidiano. Sempre attuale e fondamentale.

«Del resto è la terra che ci nutre e ci dà da mangiare, le radici dell’essere umano affondano lì – sottolinea Boffelli, classe 1963, sposato e con due figlie - . Percepisco un ritorno a questo pensiero; la gente sta piano piano prendendo consapevolezza di quanto sia vitale il rispetto della terra e dei valori ad essa legati». Quei valori Filippo Boffelli – ultimo di sette fratelli - li ha respirati fin da bambino. Nel libro vengono restituiti sotto forma di ricordi d’infanzia ma anche di riflessioni sul duro lavoro dell’agricoltore. Parole vere e sincere, com’è lo stesso Boffelli, la cui scrittura semplice quanto appassionata va dritta al sodo. Sia che parli delle famigerate “quote latte” o della tutela del latte “made in Italy”, sia che ricordi le tante persone incontrate negli anni (come Graziano l’ornitologo, Rino il contadino, Dante lo spazzino, Francesco il bergamino, e non manca il ricordo del compianto Pino Vezzulli, storico allevatore codognese che tanto si spese per la difesa del mondo agricolo).


Leggi l’approfondimento sull’Edizione de Il Cittadino di Lodi in edicola lunedì 11

© RIPRODUZIONE RISERVATA