Le immagini della natura che si riappropria dei suoi spazi
Uno scorcio delle immagini in mostra

Le immagini della natura che si riappropria dei suoi spazi

Apre venerdì la mostra allestita dall’Unitre allo Spazio Bipielle Arte di Lodi

Due primavere e dunque due momenti di rinascita della natura, nel lungo tempo della pandemia. Quando tutto si è fermato, piante e animali hanno continuato a vivere secondo i loro ritmi immutabili; e, anzi, in qualche caso si sono riappropriati di spazi lasciati liberi dagli incalzanti ritmi esistenziali del terzo millennio, quasi un tentativo di riassestare equilibri spezzati. A partire da questo presupposto, il direttore dell’Unitre Stefano Taravella, ha ideato la mostra di fotografia naturalistica che viene a consolidare la ripresa dell’attività espositiva alla Sala Bipielle Arte, presso lo Spazio Tiziano Zalli. Visitabile da venerdì solo su appuntamento, la rassegna “Fu primavera e ancora primavera … e la natura riprese i suoi spazi” fa parte di una più ampia azione progettuale messa a punto da “Unitre Lodi” che all’insegna del titolo “Il cuore oltre l’ostacolo”, nel momento in cui si riesce a vedere la tanto attesa “luce in fondo al tunnel”, intende ribadire la fiducia nel superamento delle attuali problematiche, insieme al desiderio di una rinnovata ripartenza di vita.

Fu primavera e ancora primavera

Lodi, Sala Bipielle Arte, via Polenghi Lombardo. Dal 4 al 27 giugno. Orari: giovedì e venerdì 16-19; sabato e domenica 10-13 e 16-19. Prenotazioni: [email protected]; tel. 0371 580351, 0371 440711


Leggi l’approfondimento sull’Edizione de Il Cittadino di Lodi in edicola venerdì 4 giugno

© RIPRODUZIONE RISERVATA