Il mito di Coppi rivive a Codogno nello spettacolo di Sabina Negri
Il sindaco Passerini con il manifesto dello spettacolo in scena stasera

Il mito di Coppi rivive a Codogno nello spettacolo di Sabina Negri

Venerdì sera (19.30) l’anteprima del monologo con Nino Formicola sotto la Loggia della Mercanzia di piazza XX Settembre

Calcherà il palcoscenico a Pavia e poi a Milano ma il suo debutto – vera e propria anteprima nazionale – ha scelto di farlo a Codogno. Omaggio al valore della ripartenza incarnato dalla figura di Fausto Coppi: che è stato sogni e rivincite, miseria e rinascita, simbolo dell’Italia del dopoguerra pronta a rimettersi in marcia. E non è lo stesso anche adesso?

Saranno proprio queste le corde che venerdì (ore 19.30, Loggia della Mercanzia di piazza XX Settembre) accompagneranno “Angelo Fausto Coppi. L’eroe nato contadino”, spettacolo di e con Sabina Negri che avrà come suo protagonista Nino Formicola, comico, cabarettista ed attore di ottima fama chiamato a vestire i panni del memorabile ciclista.

L’autrice e giornalista di San Fiorano ha scritto questo testo drammaturgico (che la vede nei panni della Dama Bianca) dopo aver approfondito per più di un anno l’intensa vita di Coppi, sviscerata con anche la collaborazione di Gabriele Moroni, biografo del grande ciclista. Ispirata dalla sua vena di cronista di nera, l’autrice ha ambientato lo spettacolo in un’aula di tribunale, con il processo per adulterio in capo al “Campionissimo” a fare da spunto per raccontare il mito sportivo e la vita dell’”uomo Coppi”.


Leggi l’approfondimento sull’Edizione de Il Cittadino di Lodi in edicola venerdì 11

© RIPRODUZIONE RISERVATA