Dopo 181 anni il conservatorio di Piacenza sarà diretto da una donna: è di Codogno

Dopo 181 anni il conservatorio di Piacenza sarà diretto da una donna: è di Codogno

Il prestigioso traguardo raggiunto dalla pianista Maria Grazia Petrali: «Mi sono buttata, forte della stima e della fiducia dei colleghi»

Attraversare il Po non è come navigare sulle onde dell’oceano ma le note del pianoforte di Maria Grazia Petrali, codognese doc, alimentano comunque un copione condito da passione e dedizione che da “leggenda” si trasforma in splendida realtà. Che significa la direzione del conservatorio “G.Nicolini” di Piacenza, carica alla quale Maria Grazia Petrali, prima donna in 181 anni di storia dell’istituzione piacentina, è stata eletta dal collegio dei docenti (40 voti contro i 33 di Fabrizio Dorsi) per il triennio 2021/2024. Maria Grazia Petrali rompe il simbolico soffitto di cristallo con la forza delle proprie idee, innovative e partecipative, di un carattere solare e determinato e, soprattutto, grazie a un curriculum impeccabile forgiato da anni di studio e sacrifici. La nomina a direttrice del conservatorio di Piacenza, superando un concorrente che aveva già rivestito la carica dal 2007 al 2013, arriva dopo cinque anni passati con l’incarico di capo dipartimento e un anno di lavoro nel consiglio accademico. «Diversi colleghi mi hanno stimolato a candidarmi per la direzione del conservatorio: ho riflettuto parecchio e, forte della stima e la fiducia dei colleghi, poi mi sono buttata», spiega la pianista codognese, forte di una carriera che l’ha vista protagonista anche di numerose esibizioni a livello internazionale.


Leggi l’approfondimento sul “Cittadino” in edicola mercoledì 28 luglio

© RIPRODUZIONE RISERVATA