I lodigiani a spasso fra i tesori del territorio guidati dagli studenti
Gli studenti attendono i visitatori fuori dal palazzo abbaziale di Villanova

I lodigiani a spasso fra i tesori del territorio guidati dagli studenti

Circa duecento i ragazzi coinvolti come “ciceroni” nelle Giornate del Fai di primavera

Le Giornate del Fai nel Lodigiano sono giovani. Anche quest’anno circa 200 studenti delle scuole superiori del territorio hanno guidato i visitatori tra le bellezze del territorio durante l’iniziativa di primavera. Le guide volontarie sono state impegnate a Palazzo Rho a Borghetto, sempre a Borghetto nella cascina villa Rho. Il palazzo abbaziale dei Santi Michele Arcangelo e Nicolò Vescovo sorge invece a Villanova, nelle terre dell’antica famiglia dei Sommariva: nel 1427 il cardinale Angelo Sommariva cedette in eredità i suoi beni ai monaci della congregazione olivetana, con l’obbligo di portare a termine il monastero e la chiesa. Nell’adiacente chiesa dei Santi Michele e Nicola è stato esposto un codice miniato del ’600, un pastorale e una mitra del XVIII secolo.

La cripta Pallavicino a San Fiorano

La cripta Pallavicino a San Fiorano

Palazzo Rho a Borghetto

Grande successo nella Bassa, dove le visite a San Fiorano hanno registrato un flusso continuo di persone, in maggioranza lodigiane ma anche in arrivo da fuori provincia, soprattutto dal Milanese e dalla vicina Piacenza. Sono stati più di 500 i visitatori nel piccolo paese della Bassa. Riflettori accesi su tre dei più interessanti “gioielli” della municipalità della Bassa, la parrocchiale di San Floriano Martire (di fondazione medioevale, poi rifabbricata nel 1502 dal feudatario Antonio Trivulzio), l’antico cimitero del Mortorino e i suoi affreschi settecenteschi, la cripta delle famiglie Trivulzio-Pallavicino. Un percorso di visita articolato e ben costruito, spiegato dagli alunni del liceo “Novello” di Codogno, bravi nel vestire i panni di spigliati “ciceroni” nelle visite guidate ai tre siti.

Palazzo Rho a Borghetto

Palazzo Rho a Borghetto

La cripta Pallavicino a San Fiorano


© RIPRODUZIONE RISERVATA