Cinquanta artisti in cammino sulla via Francigena nel sentiero del sacro
Uno scorcio della mostra inaugurata a Guardamiglio

Cinquanta artisti in cammino sulla via Francigena nel sentiero del sacro

La mostra aperta a Palazzo Zanardi Landi a Guardamiglio

In quanti modi si può pensare, vivere, rappresentare, il concetto di “cammino”? A Palazzo Zanardi Landi di Guardamiglio, lo si intende primariamente come richiamo al procedere dei pellegrini lungo la via Francigena: nel suo percorso è compresa anche la località che ora ospita la mostra “I cammini del sacro”, organizzata dall’Amministrazione Comunale e dalla Compagnia di Sigerico Laudense. Ma gli oltre cinquanta autori in mostra sono stati invitati a riflettere sul significato di “cammino” anche in senso più ampio, fisico o spirituale, e a declinarlo ciascuno secondo il proprio linguaggio. Lo scenario che riunifica la nutrita presenza di modi espressivi e di temi resta però quello del sacro, in linea con le analoghe manifestazioni espositive dei tre anni precedenti che hanno caratterizzato l’antica residenza di campagna dei nobili piacentini come luogo propositivo dell’arte sacra contemporanea.

Ancora una volta, la mostra è curata da Mario Quadraroli, che ripropone la formula dell’ampio numero di autori, in gran parte presenti nello stesso luogo nelle rassegne degli anni scorsi o nelle iniziative del ciclo “Naturarte”, nel quale la rassegna è inserita; co-curatore è l’architetto Maurizio Caroselli, autore tra il 2011 e il 2014 del restauro del palazzo.


© RIPRODUZIONE RISERVATA