La firma di Guido Conti tra le pagine di poesia di Kamen’
Guido Conti e Amedeo Anelli

La firma di Guido Conti tra le pagine di poesia di Kamen’

Lo scrittore di Parma entra a far parte della redazione della rivista

Una nuova firma per Kamen’, la rivista di poesia e filosofia curata da Amedeo Anelli. Agli autori ospitati sulle pagine del semestrale si è aggiunto l’emiliano Guido Conti, autore “amico” del nostro territorio - con una lunga frequentazione per presentazioni, incontri e conferenze - che ha esordito con un intervento dedicato a Cesare Zavattini.

La copertina

La copertina

La copertina

Il numero appena pubblicato è il 55 e Guido Conti si aggiunge a una redazione che può contare sulla lucchese Daniela Marcheschi, antropologa, scrittrice, studiosa di poesia; sulla tedesca Christine Koschel, poetessa con punte religiose e traduttrice; la portoghese Luisa Marina Antures, docente di letteratura all’Università di Madeira; e Stefania Sani e Richard H. Weisberg, professore della Benjamin Cardozo School of Lawè.

Guido Conti, scrittore parmense, stimato narratore (delle pianure o anche del Po), è noto come biografo di Giovanni Guareschi e curatore di elaborati di Cesare Zavattini. Nello stile di Conti scrittore la critica riconosce di unire descrizioni realistiche e relazioni surreali legate ai luoghi della terra. Tra i suoi ultimi libri si segnalano: “Tra la via Emilia e il Po, Geografie letterarie e topografie immaginarie tra il Po e la via Emilia”, (Libreria Ticinum Editore, 2015), “La profezia di Cittastella”, (Mondadori, 2016), “Scrivere con i grandi”, (Bur Rizzoli, 2016); “Nilou e le avventure del coraggioso Hadi” (Libreria Ticinum Editore, 2018).


© RIPRODUZIONE RISERVATA