Annalisa Malara, Molinari e Mieli per le nuove “Riflessioni in Comune”
Annalisa Malara premiata con la Rosa Camuna dal presidente regionale lombardo Attilio Fontana

Annalisa Malara, Molinari e Mieli per le nuove “Riflessioni in Comune”

Il direttore di “Repubblica” apre giovedì il nuovo ciclo di dieci appuntamenti con l’autore

Dieci nuovi appuntamenti per continuare a riflettere sull’attualità a 360 gradi. Con un focus dedicato a scienza, pandemia e vaccini, i temi più dibattuti degli ultimi mesi. La “fase 2” di “Riflessioni in Comune”, il ciclo web organizzato dal Comune di Lodi in scena ogni settimana su Facebook e Zoom, si aprirà giovedì 1 aprile con l’intervento di Maurizio Molinari, direttore di “Repubblica”, che presenterà il suo ultimo libro, “Atlante del mondo che cambia. Le mappe che spiegano le sfide del nostro tempo”, insieme a Marta Dassù e Lorenzo Cremonesi. Giovedì 8 lo scienziato Enrico Bucci parlerà di “Cattivi scienziati. La pandemia della malascienza”, mentre la settimana successiva Paola Liberace presenterà “Economia della memoria. Conoscenza, intelligenza, valore tra uomo e macchina”. Molto atteso l’appuntamento di giovedì 22, un racconto dal “fronte” della pandemia: parteciperanno Annalisa Malara, anestesista che per prima scoprì la presenza del Covid in Italia dopo un test effettuato a un paziente ricoverato all’ospedale di Codogno e autrice del volume “In scienza e coscienza. Cos’è successo davvero nei mesi che hanno cambiato il mondo”, il primario del pronto soccorso di Lodi Stefano Paglia e Giulio Gallera, ex assessore al welfare della Regione Lombardia. L’ultimo evento di aprile (venerdì 30) sarà dedicato all’anniversario della Liberazione d’Italia con ospite il giornalista Paolo Mieli. A maggio sono previsti gli interventi di Pietro Ichino (“L’intelligenza del lavoro”, giovedì 6), Federico Rampini (“I cantieri della storia. Ripartire, ricostruire, rinascere”, giovedì 13), Lorenzo Castellani (“L’ingranaggio del potere”, giovedì 20) e di uno scienziato di fama come Alberto Mantovani (giovedì 27) che parlerà di “Immunità e vaccini. Perché è giusto proteggere la nostra salute e quella dei nostri figli”. «La prima parte della rassegna ha avuto buoni riscontri e abbiamo deciso di proseguire gli appuntamenti per altri due mesi, sempre coinvolgendo personaggi di alto spessore – spiega il vicesindaco di Lodi, Lorenzo Maggi, deus ex machina dell’iniziativa -. Il nuovo calendario presenta diversi appuntamenti di carattere scientifico, con un focus specifico dedicato all’importanza dei vaccini. L’obiettivo è stimolare la lettura, le riflessioni e il dibattito. È impossibile quantificare il numero di utenti raggiunti nei primi due mesi perché le modalità di fruizione sono molteplici (i video delle serate vengono poi raccolti su YouTube e rimangono sempre a disposizione del pubblico, ndr): so per certo che il pubblico virtuale presente a ogni incontro avrebbe riempito una sala. Ora stiamo ragionando se proseguire anche a giugno e a luglio, oppure se tornare a settembre con la speranza di organizzare anche appuntamenti in presenza».n


© RIPRODUZIONE RISERVATA