Verso l’assemblea diocesana del 5 marzo

È in corso la preparazione all’Assemblea diocesana che avrà per tema: “La Chiesa di Lodi sulla frontiera dell’evangelizzazione: investimento educativo e forme di testimonianza”.

L’Assemblea è essenzialmente un momento di ascolto. Si tratta cioè di sentire il polso della situazione in ordine al discernimento del percorso che attende la nostra Chiesa per i prossimi anni.

Al Vescovo spetterà poi decidere quale orientamento dare e come tener conto del discernimento operato dall’Assemblea. Si è arrivati a formulare questo tema partendo dal cammino sostenuto nei cinque anni precedenti che ci hanno visti impegnati sulla rilettura della proposta educativa della nostra Diocesi, soprattutto per quanto riguarda gli itinerari formativi dalla nascita alla maggiore età. Per questo la consultazione è stata impostata in due sezioni.

La prima, entro l’orizzonte dell’educazione, che attinge analiticamente agli orientamenti CEI per il decennio “Educare alla vita buona del Vangelo” e ha impegnato ad analizzare il quadro di scelte già in atto, confermate dagli orientamenti CEI per il prossimo decennio e ha chiesto di indicare priorità tra una serie più ampia di attenzioni ulteriori in cui si esplica l’azione educativa ecclesiale.

La seconda, oltre l’orizzonte dell’educazione, accennava a prospettive complementari di lettura, secondo le indicazioni emerse dal Convegno di Verona e dall’episcopato lombardo nel documento sulla sfida della fede. Si sta concludendo la raccolta dei contributi delle Parrocchie e Associazioni, formulati a partire dalla scheda di consultazione predisposta in vista di questo appuntamento.

Due terzi delle Parrocchie interessate ha già risposto all’appello e si sta esaminando il contenuto delle riflessioni proposte all’interno dei Consigli Pastorali.

Anche le iscrizioni all’Assemblea sono a buon punto e si è attivata la macchina organizzativa del convegno.

Le risposte, oltre all’invito a non lasciare cadere le scelte di questi ultimi anni, recepiscono con favore l’orientamento sull’educare dei vescovi italiani per il decennio e allo stesso tempo orientano a rinnovare l’azione pastorale con una più decisa attenzione al rapporto fede-vita, e a quegli ambiti vitali in cui chiede di essere giocata la fede, senza per questo disattendere i luoghi strutturali di trasmissione della fede, primi fra tutti la liturgia e la Parola di Dio.

Si sta lavorando per determinare il contributo dell’Assemblea, convocata per essere ascoltata sul cammino dei prossimi anni della comunità cristiana, con una determinazione più precisa delle priorità indicate dalla consultazione, sulle quali, a partire dalla relazione sintetica e propositiva di Ernesto Danelli, si lavorerà nei gruppi. Il programma di massima della mattinata sarà il seguente: accoglienza alle 9,15; saluto del Vescovo e breve preghiera alle 9.30; relazione di Ernesto Danelli alle 9.45; alle 10,30 indicazioni di lavoro, pausa e spostamenti nei luoghi in cui si terranno i lavori di gruppo; alle 11 inizio effettivo lavori in gruppo; 13,15 preghiera dell’Ora media e conclusione della mattinata con buffet.

Prossimamente si farà pervenire direttamente ai delegati al loro indirizzo di posta elettronica la richiesta di iscrizione ai gruppi, in modo da accelerare le operazioni di inizio dell’Assemblea. Come anche nelle altre occasioni, anche questo momento di convenire nella Chiesa è valida esperienza che accresce la comunione ecclesiale.

Iginio Passerini


© RIPRODUZIONE RISERVATA