Sant’Antonio, la benedizione di monsignor Delpini all’azienda Soldi di Cascina Calnago

L’arrivo dell’arcivescovo di Milano per la ricorrenza del protettore degli animali

Sant’Antonio, la benedizione di monsignor Delpini all’azienda Soldi di Cascina Calnago
L’arcivescovo Mario Delpini

In occasione della festa di Sant’Antonio Abate protettore degli animali, nella giornata di martedì l’arcivescovo di Milano monsignor Mario Delpini farà tappa anche nel Sudmilano, dove visiterà e benedirà l’azienda agricola Soldi di cascina Calnago a Carpiano.

È quanto fa sapere in una nota la Coldiretti interprovinciale, in base alla quale nella mattinata di martedì monsignor Delpini si recherà in due aziende agricole della diocesi ambrosiana con i rappresentanti della Coldiretti di Milano, Lodi e Monza Brianza. L’occasione è rappresentata dalla tradizionale festa di Sant’Antonio abate protettore degli animali: alle 9.30 l’arcivescovo di Milano visiterà l’azienda agricola Soldi di cascina Calnago a Carpiano, mentre alle 11 sarà ospite dell’azienda agricola Mapelli di cascina Misericordia a Bellinzago Lombardo. In entrambi i casi saranno presenti tra gli altri il presidente Alessandro Rota e il direttore della Coldiretti di Milano, Lodi e Monza Brianza Umberto Bertolasi, il consulente ecclesiastico della Coldiretti interprovinciale don Matteo Vasconi, i sacerdoti delle parrocchie locali e le altre istituzioni del territorio. Ma quello a Carpiano non sarà l’unico appuntamento di questo tipo promosso sul territorio del Sudmilano in occasione di Sant’Antonio abate: sempre nella mattinata di martedì il parroco don Giancarlo Malcontenti visiterà e benedirà le aziende agricole presenti a Cerro al Lambro e nella frazione di Riozzo, dove rimangono ancora molto vive attività di questo tipo. Nella realtà di Vizzolo alle porte di Melegnano il programma prevede invece il ritrovo martedì pomeriggio alle 17 davanti alla basilica di Santa Maria in Calvenzano, dove il parroco don Giorgio Allevi con la Pro loco del paese organizzeranno la benedizione degli animali appartenenti ai residenti nella realtà locale, che anche in questo caso è diventato un appuntamento fisso in ambito cittadino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA