SANT’ANGELO Una 90enne a letto è senza vaccino: l’Agenzia delle entrate l’ha multata

Il figlio: «Mai nessun medico le ha detto di sottoporsi alla profilassi prima d’ora»

SANT’ANGELO Una 90enne a letto è senza vaccino: l’Agenzia delle entrate l’ha multata
La storia di una donna: «Nessuno le ha mai consigliato di farsi vaccinare»

Ha 90 anni, è chiusa in casa e non esce mai e il figlio, visto che prende già diverse medicine, ha deciso di non farle fare la vaccinazione anti Covid.

Così ieri, a distanza di 4 mesi dalla data di scadenza dell’obbligo vaccinale la signora Borromeo ha ricevuto un avviso dell’agenzia delle entrate riscossioni.

Il figlio Giancarlo ha deciso di denunciare il caso.

«Mia mamma - dice il signor Borromeo di Sant’Angelo - ha fatto un intervento al cuore, prende 7 medicine che potrebbero interferire con la vaccinazione, vive praticamente a letto. Non l’ho fatta vaccinare. Adesso mi sono visto recapitare a casa la lettera dell’Agenzia delle entrate. Secondo me è assurdo. Ha una invalidità al 100 per cento, le hanno sostituito le valvole cardiache, insomma un intervento serio. Nessuno mi ha mai detto che avrebbe dovuto vaccinarsi, neanche il suo medico di famiglia. Lei era seguita molto bene dal centro servizi dell’ospedale di Sant’Angelo, il Pot, poi quando è scoppiata la pandemia mi pare che il centro sia stato chiuso. Avrebbero dovuto mandarle una comunicazione prima, dicendole di vaccinarsi, invece si è fatta viva adesso l’Agenzia delle entrate riscossioni».

“Comunicazione d’avvio del procedimento sanzionatorio” è il titolo della lettera che ha ricevuto Giuseppina Borromeo.

“Risulta che lei, alla data del 15 giugno 2022 - scrive l’agenzia delle entrate riscossioni - non abbia iniziato il ciclo vaccinale primario. Come previsto dall’articolo 4 sexies, comma 4, del decreto legge numero 44/2021, entro il termine perentorio di 10 giorni dalla data di ricezione della presente potrà comunicare all’Azienda sanitaria locale competente per territorio l’eventuale certificazione relativa al differimento o all’esenzione dell’obbligo vaccinale, ovvero altra ragione di assoluta e oggettiva impossibilità; entro lo stesso termine dovrà dare notizia dell’avvenuta presentazione di tale comunicazione all’Azienda sanitaria locale e all’agenzia delle entrate-riscossione. Se la signora non dimostra di essere esente dalla vaccinazione riceverà una sanzione di 100 euro da pagare entro 60 giorni”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA