Mascherine troppo strette dalla scuola: l’appello di una mamma

Dopo i visini segnati a Lodi Vecchio, a Montanaso si segnala “fatica a respirare”

Mascherine troppo strette dalla scuola: l’appello di una mamma
Una fabbrica di mascherine
(Foto di archivio)

Mascherine troppo strette, impossibili da indossare per i più grandicelli: si tratta di una segnalazione da parte di una mamma, stavolta di Montanaso Lombardo e che si va ad aggiungere a quelle già sollevate dalle mamme di Lodi Vecchio. «Mia figlia ha 8 anni – spiega la sua mamma -. Frequenta la terza elementare all’Istituto Gramsci, un’ottima scuola per cui non ho assolutamente nulla da lamentare: ottime docenti e anche l’organizzazione della didattica è impeccabile – prosegue la donna che risiede da sei anni a Montanaso -. La mia segnalazione, infatti, non vuole essere una polemica ma la “denuncia” di un disagio riguardo alla tipologia delle mascherine in dotazione ai bambini a scuola».

Assegnate regolarmente in confezioni da dieci pezzi agli alunni del Lodigiano, le mascherine riportano una misura adatta alla fascia di età compresa tra i 6 e i 10 anni: «La misura indicata non è veritiera – conferma Francesca -: sono adatte ai bambini più piccini, non di certo a quelli di 8-10 anni. Infatti – sottolinea - so di altri genitori che, come me, le passano ad altri compagni di scuola non riuscendo a sfruttarle». Una questione peraltro sottoposta dalla mamma anche alla direzione scolastica per la possibilità di trovare una soluzione al problema: «La dirigente scolastica ha risposto subito alla mia email – conferma la donna – e si è dimostrata anche molto disponibile e auspico, quindi, che una sua segnalazione possa dare una svolta alla situazione». Dunque, un appello alle autorità preposte: «Che le mascherine possano essere assegnate e distribuite con criterio, della misura corretta per evitare inutili sprechi di risorse. Oltretutto – conclude la mamma -, i bimbi le indossano otto ore al giorno: il minino che possiamo chiedere noi genitori è che siano comode e non strette da togliere il respiro».

© RIPRODUZIONE RISERVATA