Vizzolo, la grande fuga di medici e infermieri dall’ospedale
Una protesta davanti al Predabissi (Foto by archivio)

Vizzolo, la grande fuga di medici e infermieri dall’ospedale

Turni pesanti e proposte di lavoro più gratificanti rischiano di svuotare il presidio del Sudmilano

Carichi di lavoro stressanti, turni oberanti, poche opportunità di crescita professionale e sempre meno supporto operativo, e ormai da mesi «quello che era un fiore all’occhiello della sanità pubblica assomiglia sempre più a uno scatolone vuoto». È un grido d’allarme che arriva da più parti, e che in realtà si ripete da mesi, quello che cresce tra i lavoratori di Asst Melegnano Martesana dove ormai da tempo si assiste a una vera e propria “emorragia” di personale medico-infermieristico. A lasciare corsie e reparti, in alcuni casi anche strategici come lo è il Pronto soccorso – reparto dove ad andarsene sono stati il primario, due aiuti e sei infermieri tra cui anche il coordinatore – sono diverse figure professionali che hanno risposto, fanno sapere i responsabili di struttura, a bandi e offerte professionali certamente più allettanti. Il risultato è che, come da tempo sottolineano le rappresentanze sindacali e il comitato tutela salute che da mesi lancia appelli in difesa della sanità pubblica, le strutture ospedaliere sudmilanesi, il Predabissi in particolare, sembrano essere ormai in forte sofferenza. I bandi aperti per ricerca di figure professionali, sia medici sia infermieri, non sembrano a oggi riuscire a sopperire alla ormai sempre più cronicizzata carenza di personale, situazione che apre forti ambiti di preoccupazione da parte di responsabili e dipendenti. Sul fronte sindacale al momento pare prevalere comunque l’attesa nei confronti dell’ormai imminente presentazione del Piano organizzativo aziendale strategico, piano che, trapela dalla direzione sanitaria, potrebbe imprimere una decisa sterzata.

Leggi l’approfondimento sul Cittadino di Lodi in edicola oggi 10 maggio


© RIPRODUZIONE RISERVATA