VIOLENZA Picchia la donna che lo ospitava, un ventottenne finisce in carcere
Lodi, il carcere (Foto by Paolo Ribolini)

VIOLENZA Picchia la donna che lo ospitava, un ventottenne finisce in carcere

Brutale episodio alle porte di Lodi: i carabinieri hanno chiesto rinforzi prima di entrare nell’abitazione vista la situazione di agitazione

Si era avventato sulla donna che lo stava ospitando davanti ai figli di lei. E poi ha tentato di mordere e colpire con calci e pugni poliziotti e carabinieri. Costa caro quanto successo nella notte tra mercoledì e giovedì ad A.D., 28enne di nazionalità marocchina, con residenza nel proprio Paese ma ospitato in via Sabbione a Montanaso. Intorno alle 4 di due notti fa, l’uomo, in stato alterato dall’assunzione di grandi quantità di alcol, si è avventato sulla 46enne G.S., residente nell’unità abitativa con i figli minori. E proprio la presenza di due giovani non ha placato A.D., che, a seguito di una violenta lite, ha visto giungere alla porta dell’abitazione i carabinieri della compagnia di Lodi, coadiuvati dalla polizia di Stato, e un’ambulanza pronta a soccorrere la donna. Dopo le resistenze iniziali, la donna è riuscita ad aprire la porta.

Il 28enne è stato reso inoffensivo solo dopo una breve colluttazione, ha tentato di mordere un poliziotto: fondamentale in questo caso l’imbottitura del giubbotto che ha evitato ferite. In caserma, l’ira non si è placata, con calci e pugni, finiti però nel vuoto, nei confronti dei carabinieri. Tranquillizzatosi, è stato condotto in camera di sicurezza, con il processo tenutosi ieri che ha confermato l’arresto. Ora A.D. è in carcere a Lodi. La donna invece aveva rifiutato il trasporto in ospedale. «Sappiamo di questa brutta situazione e siamo pronti a intervenire perché fatti di questo tipo non devono più succedere» il commento del sindaco Luca Ferrari giovedì appena saputo quanto accaduto nell’area residenziale di via Sabbione, dove i carabinieri erano già intervenuti una decina di giorni prima a seguito di altre segnalazioni di residenti che si sentono poco sicuri.


© RIPRODUZIONE RISERVATA