«Via i semafori dalla circonvallazione di Codogno»
Traffico sulla circonvallazione

«Via i semafori dalla circonvallazione di Codogno»

Piano del Comune: «ridurrà lo smog del 30 per cento»

Parcheggi intelligenti e circonvallazione senza più semafori. Il progetto di smart city avviato dall’amministrazione nel 2016 con l’approvazione del “Piano urbano del traffico” prosegue e dopo l’acquisizione dei 2mila punti luce di proprietà per la maggior parte di Enel Sole, nei prossimi mesi sul tavolo del Comune approderanno la rivoluzione dei parcheggi e l’eliminazione degli ultimi tre semafori sulla circonvallazione: quello di viale Marconi in prossimità del cimitero, all’incrocio tra viale Resistenza e viale Trieste e all’intersezione di via Pallavicino e viale Vittorio Veneto, in relazione alla conclusione della nuova bretella che collegherà la provinciale per San Fiorano a viale Buonarroti. «Come con le rotatorie allo stadio “Fratelli Molinari”, all’altezza di Tarenzi e dell’ospedale, l’obiettivo è di rendere più fluido e meno ingorgante il traffico sulla circonvallazione – osserva il sindaco Francesco Passerini -. Eliminando i semafori si riducono anche le emissioni delle auto in atmosfera del 30 per cento, perché le ricerche dimostrano che sono il punto in cui la quantità di emissioni è massima». In questa direzione va la gestione strategica della sosta attraverso la connessione tra gli stalli e sensori in grado di rilevare se il posto auto è libero o occupato trasmettendo i dati in tempo reale tramite bluetooth. Chiunque si troverà a cercare parcheggio non dovrà più girare a vuoto nella speranza d’incappare in uno stallo libero, ma potrà sollevare semplicemente lo sguardo ai totem informativi installati in più punti della città, e scoprire dove si trova il posto libero più vicino. «Il piano di sviluppo di smart city, domotica e gestione digitale dei servizi per la popolazione è partito nel 2016 quando Codogno era allo stadio zero – prosegue Passerini -. Abbiamo adottato tutta una serie di azioni che vanno dalla videosorveglianza allo sportello Amico, dall’app all’aggiornamento di tutti i parcometri con il pagamento digitale con carta di credito. Il bando triennale scadrà fra pochi mesi ed entro fine anno termineremo l’analisi delle soluzioni migliorative che prevede tra l’altro il parking system con la posa di un sensore che farà da “interruttore” segnalando se lo stallo è libero o occupato».


© RIPRODUZIONE RISERVATA