Vento a settanta all’ora sul Lodigiano, per i vigili del fuoco un giorno di superlavoro
L’intervento in viale Vignati assieme a un’ambulanza

Vento a settanta all’ora sul Lodigiano, per i vigili del fuoco un giorno di superlavoro

Nel Sudmilano le raffiche abbattono tre pali Telecom sulla Cerca a Mombretto

Carlo Catena ed Emiliano Cuti

Giornata di superlavoro per i vigili del fuoco del comando provinciale di Lodi e dei distaccamenti di Sant’Angelo e Casalpusterlengo: ad alcuni interventi di natura sanitaria, come un soccorso persona in ausilio all’Areu in viale Vignati, con l’autoscala e tutto l’equipaggiamento di sicurezza, si sono aggiunti, soprattutto a partire dal pomeriggio, diversi interventi per il forte vento, che ha raggiunto, a Codogno, a Lodi e nella zona di Sant’Angelo, i 70 chilometri orari. Già alle 11.30 è stato necessario un intervento a San Martino in Strada per parti pericolanti di un tetto, alle 17.20 in via Codazzi a Lodi, zona Albarola,una tenda da sole ha rischiato di precipitare, alle 18 diversi alberi sono caduti sulla strada provinciale tra Cavenago e Casaletto Ceredano, quindi in Lodi si è dovuta rimuovere una lamiera arrugginita che sventolava da un cancello in via Defendente e in corso Archinti per una copertura di un tetto che si è staccata. A Sant’Angelo è caduta una pianta in via Calabresi, a San Colombano un albero è precipitato su una recinzione, a Borgo San Giovanni un palo Telecom è caduto su una strada. A Castiglione inoltre le raffiche hanno danneggiato un tetto in via Venti Settembre. Forti raffiche anche a Crespiatica dove alcune masserizie sono volate per le strade, ma non si segnalano per ora danni. Il vento forte potrebbe durare fino a domani mattina.

Nel Sudmilano paura sulla provinciale Cerca per la caduta di tre pali Telecom, tra Mombretto e la località Quattro Strade, a causa delle potenti raffiche di vento. Le prime segnalazioni sono arrivate alle 18.30 a cui ha fatto seguito l’immediato intervento della polizia locale che ha garantito la sicurezza sulla strada provinciale, chiusa solo parzialmente al transito.

Solo dopo due ore di presidio da parte delle forze dell’ordine sono finalmente iniziati i lavori per il ripristino dei pali.

I pompieri bagnano del materiale caduto per evitare polveri nocive

I pompieri bagnano del materiale caduto per evitare polveri nocive

I pompieri bagnano del materiale caduto per evitare polveri nocive


© RIPRODUZIONE RISERVATA