Vende una dose nel sottopasso della stazione: arrestato dai carabinieri

Vende una dose nel sottopasso della stazione: arrestato dai carabinieri

“Retata” a San Zenone, trovati in sette con la droga, per 17 tossicomani scatta il foglio di via

Smantellate, tra la fine del 2019 e l’inizio del 2020, le aree di spaccio alle stazioni ferroviarie di Rogoredo e San Donato, alla cascina Sesto Gallo a San Giuliano, i carabinieri hanno svolto giovedì un nuovo blitz allo scalo di San Zenone. Una maxi operazione, che si è conclusa con un arresto, 17 fogli di via nei confronti di persone “socialmente pericolose” e 7 segnalazioni alla prefettura di consumatori abituali di sostanze stupefacenti. I binari, i sottopassi, il parcheggio e la strada campestre che attraversa la campagna sono luoghi di ritrovo per gli “sbandati”. Lo hanno denunciato a più riprese gli utenti della stazione, spettatori inermi di fronte a questo scenario di degrado. La risposta dei carabinieri della compagnia di San Donato, ai comandi del maggiore Antonio Ruotolo, non è tardata: sul campo i militari della stazione di Melegnano, guidati dal luogotenente Domenico Faugiana, i colleghi del nucleo radiomobile e operativo guidati dal tenente Valerio Azzone, col supporto degli altri reparti e delle stazioni. Una trentina di divise che si sono alternate dalle 15 fino alle 24 per smantellare la rete di spaccio. Un servizio mirato che ha colto di sorpresa gli stessi pusher, uno “pizzicato” in flagranza di reato mentre vendeva la dose a un cliente, incontrato nel sottopassaggio ferroviario. Si tratta di un cittadino spagnolo di 37 anni, in Italia senza fissa dimora, con addosso di 0,1 grammi di cocaina e 0,65 grammi di eroina, dosi pronte per la vendita. Il primo fermo ha però messo in allarme gli altri pusher, ma ciò non ha impedito ai carabinieri di fermare 17 persone, tutte tossicodipendenti, proposte per il foglio di via. Complessivamente sono state identificate 64 persone, 18 con precedenti di polizia, 7 segnalate alla prefettura di Milano, perché trovati in possesso di quantità ad uso personale di stupefacente.


© RIPRODUZIONE RISERVATA