Case popolari, un unico bando nella provincia
Da sinistra Raffaele Gnocchi, Stefano Buzzi e Giuseppe Demuro

Case popolari, un unico bando nella provincia

Nel capoluogo si prevede di consegnare tra i 30 e 40 alloggi

In autunno un bando unico, che varrà per 61 comuni, per le case popolari. È la svolta sui servizi abitativi annunciata dal Broletto, che è ente capofila territoriale. Novità in arrivo anche per le domande di alloggio sociale: le richieste dovranno essere presentate tramite un portale informatico di Regione Lombardia.

«Parte così l’iter della legge regionale, credo molto nell’innovazione di questo servizio – dichiara l’assessore alle politiche per la casa, Stefano Buzzi – per andare incontro agli utenti e assisterli nelle pratiche ci sarà la disponibilità degli uffici comunali e c’è la volontà di coinvolgere anche Caf e patronati».

Le varie fasi di avvicinamento al nuovo bando sono state illustrate ieri da Giuseppe Demuro: entro la fine di luglio viene chiesto ai comuni coinvolti (quelli della provincia di Lodi, più San Colombano), oltre all’Azienda lombarda di edilizia residenziale (Aler Lodi-Pavia) di comunicare gli immobili a disposizione che possono essere assegnati, poi sarà fissata un’assemblea del piano di zona nella prima decade di settembre con i comuni per approvare il bando del 2019.


© RIPRODUZIONE RISERVATA