Truffe agli anziani, a Dresano è allarme: appelli in chiesa e al mercato

Truffe agli anziani, a Dresano è allarme: appelli in chiesa e al mercato

In pochi giorni segnalati una decina di tentativi: in campo carabinieri, polizia locale e Comune

Stefania Soleto

Le segnalazioni arrivate alla polizia locale di Dresano sono una decina. E non è escluso che i tentativi di truffe telefoniche ai danni degli anziani siano anche di più. Ma i nonni del paese non ci cascano e, anche grazie alla costante attività di sensibilizzazione delle forze dell’ordine, mandano in fumo i raggiri. Così il comandante dei vigili Agostino Tommaseo: «Sul tema l’attenzione è massima, ma non bisogna mai abbassare la guardia».

Dalla tecnica della “cauzione” a quella del figlio in ospedale, dal nipote in emergenza alla più fantasiosa presunta emergenza. Le strategie dei truffatori sono innumerevoli e spesso giocano su sentimenti, stati di fragilità, solitudine delle persone anziane.

Negli ultimi giorni a finire nel mirino sono stati diversi residenti di Dresano, che avrebbero ricevuto la medesima chiamata sul telefono fisso. «Pronto, sono tuo figlio, ho avuto un incidente e mi servono subito molti soldi. Mando un amico a prenderli», avrebbero comunicato i delinquenti con voce trafelata, provando a impressionare il malcapitato di turno.

Lo stesso copione ormai collaudato è stato recitato decine di volte, spesso senza neppure domandarsi se l’anziano dietro la cornetta avesse realmente un figlio o una figlia. Sorpresi, quanto spaventati, fortunatamente nessuno dei nonni contattati è caduto nella trappola. Anzi, nella maggior parte dei casi la reazione è stata quella di riagganciare, assicurarsi che il proprio familiare in questione stesse bene, e segnalare il tutto alle autorità del territorio.

Dalla scorsa primavera l’amministrazione e la polizia locale, con i carabinieri di Melegnano, sono impegnati in una campagna di sensibilizzazione contro i raggiri. Nel corso dei mesi passati sono stati organizzati incontri utili al riconoscimento dei “teatrini” fraudolenti e distribuiti volantini anti-truffe. I vademecum sono stati diramati anche attraverso i social e i gruppi di controlli di vicinato attivi in tutte le zone del paese hanno contribuito a mantenere alta l’attenzione sul tema. Domenica scorsa, al termine della Messa nella chiesa di Santa Maria delle Grazie, il sindaco Vito Penta e il comandante dei carabinieri Domenico Faugiana hanno spiegato come difendersi dai truffatori, mentre ieri mattina i vigili hanno allestito una stand al mercato per incontrare i passanti e distribuire opuscoli informativi.


© RIPRODUZIONE RISERVATA