TRASPORTI «Subito un risarcimento per i 400 pendolari rimasti bloccati per tre ore sul treno fermo tra Rogoredo e San Donato»
I pendolari abbandonati a terra dopo il guasto del treno (Cornalba)

TRASPORTI «Subito un risarcimento per i 400 pendolari rimasti bloccati per tre ore sul treno fermo tra Rogoredo e San Donato»

Il Codacons si dice pronto a garantire assistenza legale ai viaggiatori

«Dopo il caos di martedì sera tra le stazioni di Rogoredo e San Donato, subito un risarcimento per i 400 pendolari rimasti bloccati per quasi tre ore sul treno in panne». È questo l’appello lanciato dal presidente nazionale del Codacons Marco Donzelli, che è intervenuto dopo l’odissea vissuta da decine di passeggeri del Lodigiano e del Sudmilano a causa di un guasto elettrico del treno sulla linea S1 Milano-Lodi. «Assisteremo tutti i pendolari chiedendo a loro nome il giusto rimborso per il grave danno subito - afferma il presidente Donzelli in una nota -: i passeggeri che si trovavano sul treno in panne possono dunque contattarci con una mail all’indirizzo [email protected] o telefonare allo 02/29419096 per associarsi e fissare un appuntamento con un nostro legale». Con il guasto elettrico avvenuto in aperta campagna, i 400 pendolari sono stati bloccati a bordo del convoglio senza la possibilità di scendere per un paio d’ore, durante le quali i finestrini erano chiusi e l’area condizionata non funzionava.


© RIPRODUZIONE RISERVATA