TRAFFICO Corsia della Sp 235 chiusa da Borgo San Giovanni in direzione Pavia per una settimana
L’incidente di febbraio con la distruzione di 200 metri di guardrail sulla 235 (archivio)

TRAFFICO Corsia della Sp 235 chiusa da Borgo San Giovanni in direzione Pavia per una settimana

Da lunedì in programma il ripristino di un guardrail, prevista deviazione di 16 chilometri

Posa di un nuovo guardrail e messa in sicurezza dell’area, per una settimana almeno chiude la 235 in direzione Pavia da Borgo San Giovanni a Sant’Angelo. Ieri la Provincia di Lodi ha emesso l’ordinanza che va a regolare il traffico, individuando percorsi alternativi, per chi dal lodigiano deve raggiungere il territorio pavese a partire da lunedì. L’intervento interesserà il segmento che va dal chilometro 26+550 al 27+220, per un totale di 57mila euro facenti parte di un finanziamento ministeriale di 400mila euro per interventi di messa in sicurezza.

Ad essere ripristinato sarà quindi il guardrail abbattuto lo scorso 12 febbraio, quando un tir che viaggiava sulla direttrice Pavia-Lodi, dopo un primo scontro con un’auto che viaggiava nel senso opposto, e dopo averne colpite altre due, era finito nel fossato che corre lungo la 235 abbattendo circa 200 metri di barriera di sicurezza, in un punto dove le situazioni di pericolo sono numerose vista la carreggiata stretta, la densità di traffico e le banchine poco salde. Lunedì prossimo è previsto il via del cantiere. Se chi arriva da Sant’Angelo e Pavia non troverà ostacoli, salvo qualche piccolo rallentamento, per gli altri fruitori della 235 invece si prospetta un allungamento del percorso. Da palazzo San Cristoforo infatti spiegano come la chiusura del tratto sulla corsia sinistra Lodi-Pavia porterà i mezzi a dover imboccare la sp 140 a Borgo, sospendendo quindi il decreto del 17 settembre 2015 per il passaggio di mezzi superiori a 3,5 tonnellate, proseguendo poi per tutta la provinciale che costeggia l’autostrada A1 sino a Salerano. Da qui la svolta sulla sp 17 da percorrere per almeno una decina di chilometri, fino al nuovo imbocco della 235 già in territorio di Sant’Angelo. Circa 16 chilometri di deviazione per un totale di 17 minuti in più di percorrenza. Diverso invece il discorso per il trasporto pubblico locale, a cui è stato autorizzato il passaggio nel centro abitato di Borgo San Giovanni. «Intervento che avevamo programmato per una totale messa in sicurezza, che fa parte di una serie di opere di manutenzione che abbiamo in corso su tutta la rete viaria – commenta il consigliere provinciale Enrico Sansotera -. Questo è sicuramente uno dei più importanti».


© RIPRODUZIONE RISERVATA