Tari alle stelle e differenziata flop: Melegnano indossa la “maglia nera”

Tari alle stelle e differenziata flop:

Melegnano indossa la “maglia nera”

Nel Sudmilano è Peschiera a raggiungere il miglior risultato

Tra i grandi centri presenti nel Sudmilano, è Melegnano la maglia nera sul fronte della raccolta differenziata, che nella città sul Lambro si ferma poco sopra il 60 per cento. È quanto emerge dai dati ufficiali pubblicati da Arpa Lombardia, secondo i quali nel 2018 il miglior Comune del Sudmilano è stato Cerro al Lambro con una raccolta differenziata pari all’88 per cento, seguito da Carpiano all’85,5, Colturano all’83,2, Dresano all’81,9, Paullo al 76, Vizzolo Predabissi al 75,9 e San Zenone al 74,4.

Tra i Comuni di maggiori dimensioni, la performance migliore è di Peschiera con il 68,4 per cento, che precede San Donato con il 67,7, San Giuliano con il 66,8 e proprio Melegnano con il 60,9 per cento. Da segnalare infine il 63, 4 per cento a Mediglia e il 56,3 a Tribiano, che è l’unico Comune del Sudmilano a non raggiungere il 60 per cento di raccolta differenziata.

Proprio partendo da questi dati, ieri mattina l’ex sindaco di Melegnano Pietro Mezzi ha incalzato l’attuale amministrazione alla guida della città. «Nonostante all’inizio del mandato l’esecutivo avesse garantito un miglioramento del servizio, la raccolta differenziata rimane tra le più basse del territorio: stiamo parlando di un vero e proprio fallimento - ha affermato il leader della sinistra locale -. Anche perché in città i costi del servizio di igiene urbana sono tra i più alti dell’intera Città metropolitana, nel 2018 ogni abitante di Melegnano ha pagato 152 euro sul fronte della tassa rifiuti».

Sempre in base ai dati diramati dall’Arpa, in questa speciale classifica la città sul Lambro è preceduta solo da Cerro al Lambro, dove la spesa procapite è stata pari a 227,2 euro, mentre i costi per gli altri Comuni sono decisamente più bassi. In questo caso la migliore performance è di San Zenone con 83,3 euro, seguito da Vizzolo (101 euro), San Giuliano (102), Tribiano (102,4), Colturano (104,8), Dresano (111,1), Mediglia (112,4), San Donato (126,8), Peschiera (135,6), Paullo (137,5) e Carpiano (142).

«A Melegnano presenteremo a breve un piano ad hoc per rilanciare la tariffa puntuale, in base alla quale ciascuno pagherebbe secondo l’effettiva quantità di rifiuto indifferenziato prodotto - rimarca l’ex sindaco Mezzi in conclusione -. Chiederemo poi all’amministrazione di varare un’apposita campagna informativa per illustrare le modalità della raccolta differenziata ai nuovi residenti, a cui dovrà accompagnarsi un adeguato sistema di controlli. Ribadiamo invece un secco alla prospettata ipotesi delle isole ecologiche, un investimento che riteniamo esorbitante, inutile e dannoso per la realtà locale».


© RIPRODUZIONE RISERVATA