Taglio dei rami davanti ai lampioni, ma i tecnici Ats fermano il cantiere

Taglio dei rami davanti ai lampioni, ma i tecnici Ats fermano il cantiere

Lodi, sicurezza sul lavoro: viene prescritto di regolare la circolazione

Poco più di un mese fa una donna di 62 anni che percorreva a piedi viale Milano verso casa sua a San Grato, una domenica pomeriggio sotto una fitta pioggia, era stata investita da un’auto e sbalzata a diversi metri di distanza. La donna è ancora ricoverata in gravi condizioni e la polizia stradale di Lodi sta ultimando le indagini sulle responsabilità nell’incidente, ma da subito erano emerse alcune circostanze che avrebbero potuto rendere quel tratto di strada pericoloso per chiunque, soprattutto al crepuscolo o nelle ore notturne.

Da una parte, le due corsie ciclopedonali, da un lato e dall’altro di viale Milano, erano completamente ricoperte da uno spesso strato di foglie. Dall’altra, i rami degli alberi in più punti avvolgevano i lampioni, creando zone di illuminazione meno efficiente. Proprio per iniziare a migliorare la situazione, l’amministrazione comunale ha dato mandato ad Astem di cominciare proprio da viale Milano le operazioni di potatura periodica.

Lunedì attorno alle 11.30 il cantiere mobile dell’impresa che opera in appalto per Astem era arrivato proprio a ridurre le chiome dei liquidambar, quando sono intervenuti i tecnici della sicurezza sul lavoro dell’Ats Città Metropolitana, che hanno fermato il cantiere. «Non hanno contestato le dotazioni o le procedure di lavoro - precisa il Broletto -, quanto la riduzione della carreggiata. Secondo i tecnici Ats, pur rimanendo uno spazio sufficientemente ampio per l’incrocio dei veicoli in transito in entrambe le direzioni, è opportuno che l’azienda si doti di movieri». Cioè di operai che controllino i veicoli in arrivo e li rallentino, nel caso organizzando un senso unico alternato. I camion impegnati per il taglio erano comunque segnalati con file fitte di coni segnaletici. Le potature riprenderanno non appena l’impresa si sarà organizzata.


© RIPRODUZIONE RISERVATA