Si arrampica fino al terzo piano di un palazzo per spegnere un incendio

Si arrampica fino al terzo piano di un palazzo per spegnere un incendio

Protagonista uno straniero di Melegnano da 16 anni in Italia: «Per me è stato un gesto normale»

Si arrampica fino al terzo piano per spegnere un principio d’incendio in un palazzo di via Roma a San Giuliano. Un gesto eroico quello Abderrazak Bartal, marocchino di 38 anni, da almeno sedici in Italia, che a mezzanotte, tra sabato e domenica, appena si è accorto del fumo non ha esitato a intervenire. È riuscito a salire fino al tetto del palazzo e spegnere il fuoco con della sabbia. «Per me è stato normale, vivo in Italia da tanti anni, è stato un atto dovuto» racconta Bartal. Ad osservare le gesta del 38enne marocchino c’erano molte persone che sono rimaste col fiato sospeso fino all’arrivo dei vigili del fuoco, che hanno trovato già domate le fiamme e si sono occupati della messa in sicurezza dello stabile. «Il fuoco - racconta Bartal - è divampato da una griglia accesa al piano inferiore. Io mi trovavo al bar insieme a un amico quando mi sono accorto di quello che stava accadendo. Ho visto il fumo, mi sono arrampicato e ho utilizzato dell’acqua e della sabbia per spegnere il fuoco che usciva dalla canna fumaria. Penso di aver fatto qualcosa di buono, sono orgoglioso, anche se un po’ acciaccato perché arrampicarsi non è stato semplice».


© RIPRODUZIONE RISERVATA