Sfondano il negozio con una spranga per rubare le birre di notte
Un posto di controllo dei carabinieri

Sfondano il negozio con una spranga per rubare le birre di notte

Fermati a Sant’Angelo due giovani nei controlli straordinari alla fine del lockdown

Spaccano la serranda della rosticceria kebab di piazza Caduti a Sant’Angelo per rubare venti bottiglie di birra, le caricano nel bagagliaio della loro auto e quando vengono fermati poco dopo dai carabinieri reagiscono prendendoli a male parole: è finita con una denuncia per furto aggravato e per resistenza la notte brava di un eduadoregno e di un nigeriano poco più che ventenni residenti in zona che sono stati fermati alle 4 del mattino di giovedì ancora con gli alcolici e la spranga sulla loro Alfa Romeo. Entrambi erano già noti alle forze dell’ordine per varie intemperanze. Non si è trattato degli unici autori di reati scoperti dal 3 giugno alle scorse ore dai carabinieri della compagnia di Lodi e delle stazioni di Sant’Angelo Lodigiano e Cavenago d’Adda, che hanno intensificato la presenza in strada prevedendo che la fine del “lockdown” sarebbe stata caratterizzata da una ripresa di fenomeni quali la guida in stato di ebbrezza e i furti nei supermercati. In totale sono state quattro le persone denunciate per resistenza, violenza e oltraggio a pubblico ufficiale, con un quinto denunciato per furto in supermercato, una 65enne di Sant’Angelo uscita dal Famila con alimentari non pagati per 50 euro. E sempre in terra barasina un 36enne di Castiraga Vidardo è stato fermato in scooter senza casco nè patentino nè assicurazione e con un grosso martello che trasportava sotto la sella, a notte inoltrata, senza motivazioni plausibili. E si è concluso con una denuncia anche l’intervento davanti a un bar ristorante di Crespiatica, nella notte tra mercoledì e giovedì, dove un 37enne ucraino residente in paese ha anche provocato contusioni a un militare: aveva un tasso alcolico record, 4,5 grammi per litro di sangue, a seguito del quale era diventato incontrollabile e si era anche ferito con dei vetri.


© RIPRODUZIONE RISERVATA