«Sfiorato da un pallino da caccia»: paura per un fotografo a Paullo
La zona della morta sulla Muzza

«Sfiorato da un pallino da caccia»:

paura per un fotografo a Paullo

Spari non autorizzati: l’episodio sulla ciclabile della Muzza

Spari sopra le teste degli escursionisti a pochi metri dalla ciclabile che corre lungo la Muzza, tra Paullo e Tribiano. Domenica è successo a un fotografo, in compagnia di un amico, che solo per miracolo sono scampati: i pallini sono stati esplosi a centimetri dal volto del primo, che per segnalare la sua presenza ha iniziato a urlare.

Il sindaco di Tribiano, Roberto Gabriele

Il sindaco di Tribiano, Roberto Gabriele

Una situazione peraltro non nuova ed è anche per questo motivo che nei prossimi giorni saranno intensificati i controlli delle forze dell’ordine lungo le zone campestri vicine ai luoghi di maggiore frequentazione, nonostante l’assenza al momento di denunce. Con le polizie locali di Paullo e Tribiano che svolgeranno servizi mirati nella zona di competenza e i carabinieri della stazione locale che aumenteranno i passaggi.

Il sindaco di Tribiano, Roberto Gabriele

Il problema tuttavia resta. Perché nella campagna tra Paullo e Tribiano formalmente non è vietata la caccia. «È mia intenzione fare un sopralluogo e valutare con gli uffici quello che può fare– spiega il sindaco di Tribano Roberto Gabriele -. Nello specifico i fatti sono accaduti in territorio di Paullo, ma ciò non toglie che i due comuni possono affrontare in maniera condivisa per la sicurezza dei nostri cittadini. Da parte mia valuterò gli strumenti più idonei per intervenire, perché fatte salve le aree di caccia valgono in ogni caso i divieti per proteggere l’incolumità delle persone».


© RIPRODUZIONE RISERVATA