Serrande alzate dopo oltre un mese a Melegnano, il commercio ha voglia di ripartire

Serrande alzate dopo oltre un mese a Melegnano, il commercio ha voglia di ripartire

Viaggio fra i negozianti del centro e della periferia al primo giorno di apertura

«Dopo la bufera delle ultime settimane, riapriamo i battenti per rilanciare il commercio di Melegnano, che da sempre rappresenta la forza trainante dell’economia locale». Dopo i ristoratori e i baristi per il solo servizio d’asporto nella giornata di lunedì, ieri mattina diverse attività hanno riaperto i battenti nel cuore della città, che prova così a ripartire dopo la fase più dura dell’emergenza coronavirus. È il caso dello storico fiorista Marino in viale Predabissi a pochi metri dalla centralissima piazza IV Novembre, attività fondata nei primi anni Cinquanta e diventata un punto di riferimento per l’intera realtà locale.

«Abbiamo riaperto proprio stamattina (ieri per chi legge, ndr) dopo una lunga chiusura, stiamo ancora allestendo il negozio, abbiamo già ricevuto i primi ordini - afferma la titolare Rosa Franca Curti -. Proprio per soddisfare le esigenze della popolazione in un momento tanto difficile, abbiamo deciso di intensificare il servizio a domicilio, che potrebbe rivelarsi ancora più prezioso in una fase così complessa». Con le attività che stanno gradatamente ripartendo, soprattutto in centro è ripreso un buon afflusso di gente, che gira indossando l’ormai inseparabile mascherina e in diversi casi anche i guanti: rispettando la distanza minima di un metro, non mancano le code soprattutto davanti ai negozi di alimentari, all’interno dei quali deve essere contingentato l’ingresso della clientela.

«Anche noi abbiamo riaperto oggi (ieri, ndr) dopo oltre un mese e mezzo - chiarisce il gestore della libreria Mondadori in via Zuavi Stefano Carelli -. Già stamattina abbiamo avuto un buon via vai di clienti, la ripresa non sarà semplice, ma dobbiamo comunque tornare progressivamente alla normalità. Nel frattempo abbiamo preparato una sorpresa per i bambini, a cui doneremo un vero e proprio kit scolastico, all’interno del quale troveranno penne, matite e tutto l’occorrente per le loro molteplici attività». Se in centro la situazione sta gradualmente tornando alla normalità, sembra più lenta la ripresa nei quartieri periferici di Melegnano, dove il minore passaggio di gente è legato anche all’assenza di uffici, studi professionali e attività di vario genere. «Avevamo già riaperto nelle scorse settimane, ma oggi (ieri, ndr) siamo tornati a pieno regime - conclude Andrea Zampillo dell’omonimo negozio di ottica in via Roma -. Solo così rilanceremo il commercio di Melegnano, che rappresenta un polo di riferimento per l’intero territorio».


© RIPRODUZIONE RISERVATA