SANT’ANGELO Il gruppo Voltiamo Pagina va all’attacco della giunta
La Cascina Ortaglia

SANT’ANGELO Il gruppo Voltiamo Pagina va all’attacco della giunta

Sotto accusa il decoro urbano e le manutenzioni

Dallo stato «pietoso» di molte vie cittadine, da via Cazzulani, alle vie Statuto, Lisonino e Cavour, «le strade dimenticate del quartiere San Rocco», «al degrado delle zone artigianali di Maiano e Malpensata», alle sfide mancate sul fronte del recupero del patrimonio, una su tutte Cascina Ortaglia, ma anche l’ex ufficio di igiene di viale Zara. Per dire che «sotto il profilo del decoro urbano e delle manutenzioni, l’immagine che, in questi cinque anni di amministrazione Villa, la nostra Sant’Angelo ha offerto ai suoi cittadini è quella di una città dagli aspetti contrastanti, più negativi che positivi». È il gruppo Voltiamo Pagina – rappresentato in consiglio da Angelo Pozzi, Ugo Speziani e Monica Bagnaschi – , in una nota, a fare il punto sul fronte degli investimenti e le sfide non raccolte dall’amministrazione Villa. «Nel messaggio augurale del 31 dicembre 2016 il sindaco Villa dichiarava solennemente la ferma intenzione di provvedere alla manutenzione degli immobili e delle strutture comunali che necessitano di interventi strutturali – spiegano i consiglieri - , ma se da un lato fanno mostra di sé le riqualificazioni di via Mazzini e di via Madre Cabrini e le nuove rotatorie, dall’altro troviamo gli asfalti in stato pietoso di molte vie cittadine, a partire dal quartiere San Rocco. Era giugno di quest’anno quando l’assessore Lucini dichiarò che per il problema degli asfalti si farà molto, ma contemporaneamente si escludeva degli interventi la via Cavour (la principale strada di penetrazione da nord in città, ndr), guardandosi bene dal fornire la sia pur minima indicazione su quali fossero le altre vie avvantaggiate da quel “molto” che ci sarebbe da fare». Altro punto è il quartiere Pilota - «il sindaco tre anni fa si era anche lasciato andare a promettere il suo impegno per una rinascita del quartiere Pilota, ma la situazione è lì da vedere» - , ma anche «l’ex ufficio di igiene avvolto nell’oblio e in avanzato stato di degrado anche strutturale» e «lo stadio Chiesa, con le gradinate inutilizzabili dal 2016, per cui Villa ha dovuto firmare due mesi fa l’ordinanza di divieto di utilizzo anche dei settori “popolari” e “ospiti”». Rilievi anche su Cascina Ortaglia, «ristrutturata più di un decennio fa, ma poi di fatto abbandonata a se stessa, «finita nel mirino degli edifici dismessi» e «nel mirino dei vandali che hanno imbrattato muri, rotto serramenti e frantumato vetri e il sindaco che fa? Rivolge agli improbabili testimoni l’invito “denunciate”». Secondo i consiglieri «basta prendere il programma 2016 della maggioranza che governa Sant’Angelo, per accorgersi delle cose promesse e non fatte, ma decise estemporaneamente e neanche lontanamente programmate, realizzate grazie ai cospicui finanziamenti governativi e regionali collegati alla pandemia da Covid, i cui costi ricadranno soprattutto sulle spalle dei giovani negli anni a venire. Cosa ci prometterà per essere rieletta, la maggioranza uscente e, viste quelle precedenti e la loro mancata corrispondenza alla realtà dei fatti, quanto potremo credere alle nuove promesse?».


© RIPRODUZIONE RISERVATA