Sant’Angelo, commercio:   c’è voglia di ripresa

Sant’Angelo, commercio:

c’è voglia di ripresa

I gestori tentano di invertire la marcia, «ma ci serve sostegno»

Tavoli e sedie al posto delle auto, lì dove ci sono le strisce blu. Anche a Sant’Angelo Lodigiano cambia il panorama del commercio nel centro storico e crescono gli spazi dedicati a tavoli e sedie, complice la necessità di trovare nuovi spazi en plein air per i clienti e invertire la marcia dopo un periodo nerissimo per la chiusura delle attività causa emergenza sanitaria. Sono sempre più i bar del centro storico che, a Sant’Angelo, come a Lodi del resto, puntano sull’esterno per poter rispettare le norme di distanziamento sociale e anche aumentare la fiducia dei consumatori per farli tornare a vivere la città. Uno dei luoghi dove il colpo d’occhio è a più effetto è l’asse centralissimo di piazza Caduti e viale Partigiani, dove gli esercenti hanno scelto tutti di allestire ex novo spazi all’aperto o di confermare la scelta, magari ampliando lo spazio disponibile. Il bilancio per gli esercenti della zona, al momento, è tra luci e ombre. «Noi rispettiamo tutte le indicazioni e non facciamo entrare nessuno all’interno dell’esercizio - spiega Abdi Fidan di Istanbul City Kebab - e abbiamo allestito questo spazio esterno, che purtroppo però è a pagamento per noi, perché dobbiamo utilizzare le strisce blu del parcheggio e quindi bisogna pagare l’utilizzo dello spazio». Una spesa di 100 euro al mese per ogni stallo di sosta. «Servirebbe un aiuto - spiega Diana Dobre del vicino Bistrot Margot - anche perché il lavoro oggi è un quarto di un quarto rispetto a quello del passato. Noi per esempio cerchiamo di tenere aperto il più possibile per cercare di evitare il disastro annunciato. Siamo in guerra, ma senza armi di fatto».


Leggi l’approfondimento sull’Edizione de Il Cittadino di Lodi in edicola mercoledì 8 luglio

© RIPRODUZIONE RISERVATA