Sant’Angelo, arrivano le telecamere nei parchi
Una centrale di videosorveglianza

Sant’Angelo, arrivano le telecamere nei parchi

Finanziato dalla Regione un progetto da 20mila euro della polizia locale

Grazie a un contributo di Regione Lombardia anche Sant’Angelo potrà avere nuove telecamere da posizionare all’interno di alcuni parchi pubblici. Era stata la consigliera regionale Patrizia Baffi la scorsa settimana ad annunciare che, grazie a un suo emendamento, Regione Lombardia aveva aumentato i fondi a disposizione del bando per la sicurezza all’interno delle aree verdi cittadine. Il progetto di Sant’Angelo quindi, al pari di quelli di Codogno e Casale, passava da semplicemente “accettato” a finanziato. Un ottimo traguardo per la giunta Villa che in questi ultimi mesi ha messo in cantiere due progetti per tutelare e rendere migliori i parchi della città. A partire appunto dall’installazione di telecamere in quattro aree. Nel progetto da 20mila euro presentato a Regione ad essere indicati, a seguito del lavoro di polizia locale, uffici e assessore alla sicurezza Domenico Beccaria, erano stati i polmoni verdi delle Morzenti, all’interno del giardino pubblico in centro città e che si affianca alle scuole, della Girona, tra via Dante, viale Partigiani e palazzo Delmati, rimesso a nuovo e divenuto un piccolo salottino, di piazza XV Luglio, uno dei luoghi di maggior pace della città, e, ancor più in periferia, nei pressi del Chiesuolo in via Bracchi, dove in passato cittadini avevano segnalato disturbo notturno.


© RIPRODUZIONE RISERVATA