SAN GIULIANO Un archeologo passerà al setaccio il terreno della battaglia dei Giganti
L’area di Zivido che sarà passata al setaccio da un archeologo

SAN GIULIANO Un archeologo passerà al setaccio il terreno della battaglia dei Giganti

Il professionista dovrà verificare l’eventuale presenza di reperti storici

Un archeologo passerà al setaccio la zona tra via Brigate Partigiane e la via Emilia, dove sorgerà il cimitero degli animali, per individuare l’eventuale presenza di reperti storici. Il Comune di San Giuliano investirà la somma di 5mila euro per essere affiancato dal professionista che nel corso degli scavi effettuerà una serie di sopralluoghi nel terreno dove, dopo la Battaglia dei Giganti, nel 1515 il re Francesco I fece edificare il monastero della Vittoria.

L’iniziativa figura nell’insieme di scelte messe nero su bianco nel progetto esecutivo del cimitero degli animali d’affezione che sarà immerso in un parco. Il piano dal valore di 100mila euro finanziato dall’Azienda farmacie Asf è appena stato approvato dalla giunta di centrodestra che si mostra determinata a portare a buon fine l’obiettivo di cui a San Giuliano si parla da tempo. A breve pertanto l’ente darà il via alla gara d’appalto per l’affidamento dei lavori.

Il sindaco Marco Segala, riguardo l’aspetto archeologico, annuncia: «Su indicazione della soprintendenza abbiamo deciso di avvalerci di un professionista che valuterà la presenza nel sottosuolo di elementi che fanno parte della storia di San Giuliano. Una scelta che risponde anche alle istanze e alle sensibilità che sono arrivate da alcune associazioni locali».

Torna quindi in primo piano il disegno che prevede l’allestimento di un’area dalla particolare forma a cuore in cui si dipaneranno percorsi ravvicinati, ma tra loro diversi, che termineranno in una sorta di piazza dove saranno posizionate le tombe. Si parla di spazi per circa 120 inumazioni di animali che potranno essere incrementate in base alla richiesta dei cittadini del Sudmilano. Saranno inoltre realizzati alcuni manufatti a servizio della funzione che l’area di proprietà del Comune sarà chiamata a svolgere. Il primo cittadino sangiulianese fa presente che si tratta di un impegno che si era assunto nel suo programma elettorale, che andrà in porto nei prossimi mesi, con cui verrà riqualificata un’area incolta che versa ormai da lungo tempo in stato di degrado. Un’opera che, trattandosi dei luoghi della Battaglia dei Giganti, avverrà sotto l’egida di un archeologo che terrà gli occhi puntati sulle eventuali testimonianze del passato che potrebbero emergere nel corso del cantiere.n


© RIPRODUZIONE RISERVATA