SAN GIULIANO Appartamento a fuoco, un’87enne riesce a mettersi in salvo
Il momento dell’arrivo in massa dei soccorsi (Cuti)

SAN GIULIANO Appartamento a fuoco, un’87enne riesce a mettersi in salvo

La presenza di carta vicino ai fornelli avrebbe causato l’incendio

Mezzogiorno di fuoco ieri a San Giuliano Milanese, dove un incendio è divampato in un appartamento, divorando mobili e annerendo pareti. In casa si trovava una donna di 87 anni che ha fatto in tempo a uscire dall’abitazione, ma che è stata trasportata comunque in ospedale per precauzione, mentre i vigili del fuoco hanno spento le fiamme prima che potessero propagarsi in altri appartamenti.

Fondamentali sono state le segnalazioni di alcuni coinquilini, che hanno subito avvisato il numero unico di emergenza, facendo scattare la macchina dei soccorsi. Il fumo si è alzato in piazza Di Vittorio, dove sono arrivati per primi gli agenti della polizia locale che si sono occupati delle prime operazioni di sicurezza, chiudendo l’area e dando assistenza ai residenti. Dal distaccamento di piazzale Cuoco a Milano, sono state inviate due autopompe, con il personale che si è messo subito al lavoro per domare il rogo. E, in poco più di un’ora, oltre allo spegnimento degli ultimi focolai, è stata messa in sicurezza l’abitazione al primo piano del condominio. Secondo la prima ricostruzione dei fatti, le fiamme si sarebbero propagate mentre in casa si trovava l’87enne P. A., che era riuscita a mettersi in salvo prima che l’incendio si allargasse dalla cucina agli altri locali. Le cause sarebbero da attribuire alla presenza di carta vicino al fornello acceso. Un’ambulanza ha dato assistenza all’anziana, che è stata poi portata in ospedale a San Donato Milanese, una volta verificato che all’interno dell’appartamento non ci fossero altre persone.

Dal sopralluogo effettuato è stata dichiarata l’inagibilità della sola abitazione al primo piano, che dovrà quindi subire gli opportuni interventi di ripristino prima di poter ospitare ancora la sua inquilina.


© RIPRODUZIONE RISERVATA