San Donato, multe con i palmari

A partire da febbraio le multe raggiungeranno i parabrezza in formato scontrino. La tecnologia ha infatti scalzato carta e blocchetti, “scavalcando” anche la penna ottica per lasciare posto ad un sistema inedito. La novità che sta per entrare in vigore passa infatti da sei computer palmari nuovi fiammanti, che vigili e ausiliari della sosta stanno testando in questi giorni, dopo un corso di formazione per acquisire destrezza con l’innovativo sistema. «L’utilizzo di supporti informatici di dimensioni ridotte - afferma il comandante della polizia locale, Fabio Allais, promotore del progetto - consente la trasmissione diretta delle sanzioni rilevate grazie al collegamento virtuale con i software di gestione delle notifiche e dei pagamenti, al fine di eliminare le procedure manuali di trascrizione al computer delle vecchie multe cartacee, che venivano effettuate nei giorni successivi all’infrazione». E aggiunge: «In tempi di fortissime restrizioni sulle assunzioni per i comuni, questo rappresenta indubbiamente un preziosissimo risparmio di risorse umane». Non solo. I cittadini che riceveranno a casa la notifica di una sanzione potranno verificare l’iter direttamente dai propri computer attraverso il sito dell’ente locale (www.comune.sandonatomilanese.mi.it), senza più doversi recare al comando. Così come nel caso necessitassero di ulteriori approfondimenti, potranno formulare una richiesta anche online. La svolta, ormai pronta ad entrare a regime, che dovrebbe andare a vantaggio di celerità ed efficienza, decollerà sulla base di un’esperienza che ha già reso il settore della polizia di San Donato più tecnologico rispetto a quelli delle realtà limitrofe. L’anno scorso infatti ha debuttato il lettore ottico delle targhe che si sta man mano sostituendo ai pass cartacei per i residenti. Un congegno grazie al quale gli agenti in tempi reali possono verificare se ad un auto è collegato il talloncino che consente ai residenti di quel quartiere di poter lasciare il proprio mezzo in sosta oltre i limiti di tempo regolamentati a disco orario. A questo punto gli abitanti del territorio che in quanto ai parcheggi violeranno le regole, si troveranno di fronte ad un tagliando dall’aspetto similare agli scontrini fiscali emessi dai registratori di cassa, dove troveranno tutti i dati della sanzione. La rivoluzione a questo punto, dopo alcuni preparativi, è ormai alle porte.


© RIPRODUZIONE RISERVATA