PIEVE Svolta per la catena Conbipel, salvi i trenta lavoratori
Il centro Conbipel di Pieve

PIEVE Svolta per la catena Conbipel, salvi i trenta lavoratori

Dopo la lunga crisi arriva l’acquisto da parte di una società inglese

Dopo la lunga crisi, Conbipel cambia proprietà, ma salva marchio e lavoratori. La società, che era in amministrazione straordinaria, è stata aggiudicata all’asta alla società londinese Eapparels, che fa capo al fondo di Singapore Grow Capital Global. Le procedure sono in fase di perfezionamento e il passaggio dovrebbe comportare la chiusura di alcuni punti vendita in Italia, il passaggio di altri 21 a un altro operatore di abbigliamento e articoli sportivi, JD Sports, nell’arco dei prossimi mesi.

Il punto vendita del Centro Commerciale Pieve, dove lavorano più di 30 dipendenti, manterrà il marchio e tutta la forza lavoro. Al personale saranno riconosciuti i livelli salariali acquisiti, comprese eventuali spettanze arretrate e gli istituti maturati finora. Il passaggio dunque sarà indolore e di fatto in piena continuità. «La questione è trattata a livello nazionale, le procedure sono in corso proprio in questi giorni, ma si va verso una soluzione che, per Lodi, manterrà inalterato marchio e personale, e che in generale tutela la stragrande maggioranza dei dipendenti – dice Sara Mangone di Fisascat Cisl Pavia e Lodi -. Aspettiamo proprio in questi giorni le novità sugli accordi definitivi».

Approfondisci l'argomento sulla copia digitale de Il Cittadino

© RIPRODUZIONE RISERVATA