PESCHIERA Freni, gomme e olio motore, denunciato per l’abbandono
Una delle discariche di rifiuti speciali rinvenute a Peschiera Borromeo

PESCHIERA Freni, gomme e olio motore, denunciato per l’abbandono

Dovrà ripulire l’area delle due discariche. Intanto la polizia locale cerca il responsabile del deposito

Freni, olio motore, pneumatici, ma anche schede tecniche dei clienti e fatture emesse per lavori effettuati sempre dalla stessa officina. È proprio grazie al recupero della documentazione, che gli agenti della polizia locale di Peschiera sono riusciti a risalire al titolare (L. A., un 41enne di Pioltello) di un’attività aperta a Milano per la riparazione di moto. Nella giornata di ieri per lui è scattata la denuncia per l’abbandono di rifiuti speciali e l’obbligo di ripristino dell’area inquinata in via Trento.

L’attività investigativa è stata rapidissima. Il 26 novembre, infatti, sono state segnalate da un operatore ecologico due discariche nella campagna adiacente alla via Trento: due scarichi in un fossato a distanza di una cinquantina di metri l’uno dall’altro. Probabilmente l’autore del deposito lo ha fatto nella notte tra il 25 e il 26 novembre, perché nella giornata prima dell’avvistamento la sponda della roggia era pulita. Un equipaggio della polizia locale ha eseguito il sopralluogo, ha censito i materiali abbandonati e li ha verificati, mettendo le mani in alcuni sacchi neri, dove sono stati trovati fogli compilati e schedari. Già a prima vista, gli investigatori hanno capito che quei documenti conducevano tutti alla stessa officina di Milano.

L’esame più accurato ha dato la conferma definitiva. Ecco perché è stato convocato in caserma il titolare, che si è presentato spontaneamente venerdì. Ha confermato che si trattava di rifiuti provenienti dal magazzino della sua officina, che era stato svuotato nel mese di settembre. Se ne è assunto ogni responsabilità, ma ha anche spiegato agli agenti che per lo smaltimento si era rivolto a una seconda persona che si sarebbe dovuta occupare del conferimento. Insomma: il titolare ha riferito che non si sarebbe mai aspettato che i materiali provenienti dalla sua officina sarebbero finiti in un fosso a Peschiera. Si è assunto l’onere di ripulire l’area entro domenica e di conferire, questa volta correttamente, in un centro specializzato consegnando tutti i formulari agli agenti di Peschiera che così potranno accertare che lo smaltimento è stato eseguito in perfetta regola. Per questo motivo il meccanico imprenditore che è stato denunciato a piede libero, non sarà multato. Intanto sono in corso le indagini per accertare le responsabilità della persona alla quale il titolare dell’officina si è rivolto per lo smaltimento. A suo carico, se verrà confermato che volontariamente e senza ordini ha scaricato i rifiuti speciali in campagna, potrebbe essere formalizzata una seconda denuncia per reati ambientali.n


© RIPRODUZIONE RISERVATA