PAULLO La plastica bandita dalla biblioteca
La biblioteca

PAULLO La plastica bandita dalla biblioteca

In arrivo raccolta differenziata, dispenser per l’acqua e materiali eco sostenibili per i distributori del caffè

Cestini per la raccolta differenziata, dispenser per riempire le borracce, ma anche bicchieri compostabili e plastica “fuorilegge”. La biblioteca di Paullo guarda al futuro, grazie a iniziative per la tutela dell’ambiente per rendere il “tempio della cultura” della città un luogo ecosostenibile. Sono gli ingredienti di “Biblio for future”, progetto che sabato verrà illustrato dall’assessore all’ambiente Alessandro Meazza, nell’ambito di un open day. «Azioni concrete per la sostenibilità, nell’ambito del percorso iniziato due anni fa con il “Plastic challenge”, volto a diminuire sensibilmente l’uso delle plastiche fino all’azzeramento - dichiara Meazza -. Il percorso ha coinvolto vari settori: branche dell’amministrazione pubblica, ma anche del commercio locale, aprendo la via a tante attività che in questi anni hanno trovato attuazione. Allo stesso tempo sono state coinvolte le biblioteche della rete Cubi del Sud-Est Milano e, in particolare, la nostra». L’amministrazione comunale con la cooperativa Alboran, che da tempo ha lavorato su questo progetto, ha introdotto alcuni piccoli cambiamenti: è stata istituita la raccolta differenziata in biblioteca, sono stati sostituiti bicchierini e bacchette in plastica con altri in materiale compostabile in distribuzione alle macchinette self service, è stato posizionato un dispenser per l’acqua alla spina. È arrivata anche la “bacheca del riuso”: una lavagna dove ognuno può scambiare i propri oggetti senza buttarli.


© RIPRODUZIONE RISERVATA