Ospedaletto, appello per l’abbazia

Una lunga lettera ai consiglieri comunali di Ospedaletto Lodigiano e la richiesta al sindaco Eugenio Ferioli di rinviare di qualche giorno la seduta per l’approvazione del Piano di governo del territorio: così l'architetto Anna Maria De Luca, già parlamentare e proprietaria di buona parte dell'antica abbazia dei Gerolomini di Ospedaletto Lodigiano, spera di poter bloccare un nuovo vincolo che nel Piano urbanistico in gestazione verrebbe posto attorno all'antica struttura.

«Un edificio che era destinato alla rovina e che io, con un investimento ingente e senza un euro di aiuto pubblico, ho salvato, con tanto di consolidamenti statici - ricorda De Luca -. Ora, nel Pgt, viene proposto un raddoppio della fascia di rispetto monumentale. Nella pianificazione vigente, il prg del 2003, insiste nella sola area cortilizia fra i tre corpi di fabbricato costituenti l'antico chiostro. Ora invece il Piano urbanistico elaborato dal tecnico incaricato dal Comune, architetto Sergio Uggetti, cresce fino a comprendere, ad esempio, una vasca realizzata in stile nel 2007. Che non è un monumento storico. Mi domando la ragione di questo ampliamento: la Soprintendenza mi ha ribadito che gli unici vincoli da essa posti sono ancora quelli del 1912. L’architetto Uggetti mi ha risposto in modo tale che ho inteso che è stata un’indicazione dell’amministrazione comunale, ma dal municipio mi dicono invece che è una scelta tecnica. Quale è la verità?».


© RIPRODUZIONE RISERVATA