Operazione anti ’ndrangheta, 40enne arrestato a Caselle Lurani

Operazione anti ’ndrangheta, 40enne arrestato a Caselle Lurani

Un’inchiesta della procura nazionale antimafia di Reggio Calabria

Grossa operazione contro la ’ndrangheta questa mattina all’alba da parte della squadra mobile di Reggio Calabria e degli agenti del commissariato di Palmi, su richiesta della Procura antimafia reggina, che ha ottenuto dal gip 53 arresti in carcere e altri 12 ai domiciliari, per ipotesi di associazione mafiosa, reati di armi e droga.

Uno degli indagati è stato arrestato nella notte a Caselle Lurani con la collaborazione operativa della squadra mobile di Lodi e si tratta di un 4oenne nativo di Taurianova (Reggio Calabria).

Si tratta dell’operazione denominata “Epiphemos”, in cui si contestano infiltrazioni anche nel Pavese, nelle Marche, come in Australia e in Germania ad Hannover, e risultano coinvolti un consigliere regionale della Calabria, in quota Fratelli d’Italia, e un senatore di Forza Italia, per il quale è stata richiesta l’autorizzazione a procedere. Oltre a diversi politici locali in Calabria e due ristoratori reggini con attività anche a Milano, e un dipendente comunale nel Varesotto.

Le radici della contestata associazione a delinquere di stampo mafioso si trovano secondo gli inquirenti nella località di Sant’Eufemia d’Aspromonte, dove avrebbe sede l’omonima cosca, che negli ultimi anni sarebbe stata oggetto di una scissione interna in tre fazioni, una delle quali avrebbe cominciato a reclutare compari in violazione delle ferree regole di ’ndrangheta.

Arresti e perquisizioni sono stati effettuati, oltre che nel Reggino, anche nelle province di Milano, Bergamo, Novara, Lodi, Pavia, Ancona, Pesaro-Urbino e Perugia, e vengono contestati a vario titolo anche traffici di cocaina e marijuana, favoreggiamento, autoriciclaggio, violazioni delle norme elettorali.


© RIPRODUZIONE RISERVATA