Muore dopo la corsa in ospedale: autopsia sul corpo di un 44enne

Muore dopo la corsa in ospedale: autopsia sul corpo di un 44enne

L’esame, richiesto dai sanitari, ha confermato che a uccidere l’uomo è stata una dissecazione aortica

Una morte sulla quale adesso bisogna fare chiarezza. Un 44enne lodigiano muore al Pronto soccorso di Lodi dopo una corsa disperata in ambulanza in seguito a un arresto cardiaco. L’esame autoptico, disposto non dalla procura ma direttamente dal personale medico, svolto lunedì mattina all’ospedale Maggiore di Lodi (dove l’uomo, sposato e padre di una figlia, si è spento sabato intorno a mezzogiorno in un letto del Pronto soccorso dov’era stato trasportato d’urgenza dopo l’intervento dei sanitari presso la sua abitazione) ha confermato che la causa della morte è una dissecazione aortica, emergenza chirurgica relativamente rara e tra le patologie vascolari con più elevata mortalità, che occorre quando lo strato interno dell’aorta è interessato da una lacerazione che consente al sangue di fluire tra gli strati della parete aortica, con conseguenze spesso letali.

Stando a una prima ricostruzione dei fatti, sabato mattina l’uomo stava bene ed era uscito per fare un giro. Tornato a casa il 44enne è stato colpito da un arresto cardiaco: allertati immediatamente i soccorsi sul posto è accorso un equipaggio del “118” e sono subito iniziate le manovre per rianimarlo, quindi è stato caricato in ambulanza ed è partita la corsa verso il nosocomio di Lodi dove il paziente è entrato in condizioni critiche.


Leggi l’approfondimento sull’Edizione de Il Cittadino di Lodi in edicola martedì 9

© RIPRODUZIONE RISERVATA