Montanaso, in carcere il 28enne che ha seminato il panico nel palazzo
Una pattuglia dell’Arma (Archivio)

Montanaso, in carcere il 28enne che ha seminato il panico nel palazzo

Il giovane si era avventato contro la 46enne che lo ospitava e si era poi scagliato contro i carabinieri

È stato arrestato e tradotto in carcere, con il processo di oggi che ne ha confermato la custodia cautelare, il 28enne che nella notte tra giovedì e venerdì ha scatenato il panico nell’unità abitativa di via Sabbione a Montanaso. Intorno alle 4 erano intervenuti i carabinieri e un’ambulanza, oltre alla Polizia di Stato in ausilio, per placare l’ira dell’uomo che si era avventato sulla 46enne, a sua volta di nazionalità marocchina, che lo stava ospitando. Il 28enne, in stato alterato dall’alcol, alla presenza dei due figli minori della donna stessa, aveva poi rivolto la sua collera verso carabinieri e poliziotti giunti sul posto, cercando di mordere anche un agente della Polizia di Stato e tentando di colpire con calci e pugni i militari in caserma (nel primo caso provvidenziale l’imbottitura del giubbotto, mentre nel secondo i colpi sono andati a vuoto). La donna aggredita invece ha rifiutato di essere trasportata in ospedale. Quello della notte tra mercoledì e giovedì è l’ennesimo intervento nell’unità abitativa di via Sabbione dove diversi residenti si dicono stufi e insicuri da ormai diversi anni.


© RIPRODUZIONE RISERVATA