Melegnano, la banda delle saracinesche non si ferma: ladri nel bar del Castello
Il bar del Castello di Melegnano

Melegnano, la banda delle saracinesche non si ferma: ladri nel bar del Castello

Assalto con il piede di porco nel fine settimana

A Melegnano torna ancora in azione la banda dei bar, che prende di mira il locale all’ombra del castello, ma stavolta i ladri sono costretti alla fuga a mani vuote. Nella notte tra sabato e domenica i malviventi hanno messo nel mirino il Piano B, bar all’ingresso del parco del castello nella centralissima piazza Vittoria, che da qualche settimana è peraltro chiuso perché interessato dalle normative anti-covid varate a livello governativo: in base ad una prima ricostruzione dei fatti, dopo aver scardinato il portone d’ingresso proprio dal lato dell’area verde all’ombra del maniero, gli intrusi hanno messo piede nel locale pubblico, dal quale però non si sono portati via nulla, anche perchè non c’era molto da rubare. Quasi certamente sono stati in qualche modo disturbati, ecco perché sono stati costretti alla fuga a mani vuote: l’allarme è scattato domenica mattina quando, arrivati per controllare che fosse tutto in regola, i gestori dell’attività hanno dovuto fare i conti con la brutta sorpresa. Il portone d’ingresso era scardinato, mentre all’interno c’erano i segni del passaggio dei ladri, che per tentare il colpo hanno scavalcato il cancello del parco chiuso durante le ore notturne: dopo un primo intervento di messa in sicurezza, già ieri mattina sono stati completati i lavori di ripristino del portone scardinato, a cui si è accompagnata l’installazione di un nuovo sistema d’allarme più all’avanguardia. Continuano quindi i blitz della banda dei negozi, che nella notte tra mercoledì e giovedì hanno messo nel mirino il bar-pizzeria “Il trancio” nel piazzale centrale del Montorfano nella periferia est di Melegnano, dal quale si erano portati via le due casse con dentro 220 euro. Ci sono stati quattro tra denunce e arresti, con relative scarcerazioni, per colpi simili nelle ultime settimane, ma evidentemente non è bastato.


© RIPRODUZIONE RISERVATA