Maltrattamenti alla moglie e poi la fuga dai domiciliari con un’auto rubata: va in carcere

Maltrattamenti alla moglie e poi la fuga dai domiciliari con un’auto rubata: va in carcere

Revocati i benefici a un 38enne già arrestato una settimana fa

Arrestato una settimana fa, ieri pomeriggio è stato preso in consegna dai carabinieri di Lodi Vecchio e portato in carcere. Revocati i benefici degli arresti domiciliari per il 38enne di Sesto San Giovanni che, dopo essere stato arrestato nel comune di residenza con l’accusa di aver maltrattato la moglie (sotto gli occhi dei bambini) aveva ottenuto i domiciliari dai genitori a Casaletto Lodigiano e poi si era allontanato, rubando le chiavi dell’auto della sorella, andando nuovamente a bussare alla porta di casa della moglie con intenzioni non chiare. Arrestato per la fuga, dopo un inseguimento da Sesto fino a Casaletto, e rimandato ai domiciliari, era stato anche oggetto di una segnalazione al tribunale di sorveglianza che ha quindi deciso di mandarlo in carcere, sia pure in attesa di giudizio.


© RIPRODUZIONE RISERVATA