L’operaio si inventa spacciatore

Da due mesi per arrotondare lo stipendio da metalmeccanico aveva deciso di darsi alla “libera professione” di spacciatore. Peccato per lui, F. F., paullese di 25 ani, che l’esperienza si sia conclusa presto, in manette ieri sera, pizzicato in flagranza di reato. Secondo le accuse il giovane comprava piccoli quantitativi di hascisc per poi rivenderli a prezzo maggiorato. È stato pizzicato dai carabinieri della stazione di Paullo, nei pressi della logistica Number One, con dieci pezzi di “fumo” e 105 euro in tasca. Il resto delle dosi, per un totale di 50 grammi di hascisc, i militari li hanno trovati a casa. L’arresto è stato convalidato nel primo pomeriggio.


© RIPRODUZIONE RISERVATA