LODI Un “tutor” per gli alberi dell’Isola Carolina, ormai imminente il via dei lavori
Imminenti i lavori per il primo lotto, con il rifacimento dei vialetti (archivio)

LODI Un “tutor” per gli alberi dell’Isola Carolina, ormai imminente il via dei lavori

Il primo lotto prevede il rifacimento dei vialetti e nuove attrezzature

Ci sarà un “tutor green” per i lavori di riqualificazione al parco Isola Carolina. Incarico in arrivo per un agronomo a tutela del benessere del vasto patrimonio arboreo del polmone verde della città, durante i cantieri per il primo lotto dell’operazione restyling voluta dall’amministrazione Casanova. E ridisegnata, con un piano B, dopo l’accantonamento del progetto Bay per le proteste dei cittadini. Un’operazione divisa in più lotti, il primo da 515mila euro previsto per il 2021. Già aggiudicati i lavori - alla ditta De Fabiani di Cavenago d’Adda -, l’amministrazione lavora anche per affidare un incarico a un agronomo che avrà il compito di supervisionare i cantieri perché non abbiano interferenze con la vita dei grandi esemplari a dimora, considerato anche le tante preoccupazioni emerse, proprio su questo fronte, nel comitato che da anni si occupa di tutela dell’Isola Carolina e nei cittadini. Anche alla luce del fatto che nei cantieri è prevista una rivisitazione dei vialetti interni, in un contesto in cui le radici dei grandi alberi sono diffuse.

Gli interventi del primo lotto - con un importo a base di gara di 398mila euro e una durata dei lavori stimata in 4 mesi - prevedono appunto il rifacimento dei vialetti interni in calcestre e la revisione dei percorsi, la realizzazione di una nuova area cani, il recupero e la riattivazione dei servizi igienici esistenti, la messa a dimora di nuovi alberi e essenze e la definizione di aree attrezzate per il gioco dei bambini (tra cui una climbing forest), per il fitness (in particolare per la pratica del calisthenichs) e per letture, didattica all’aperto e pic-nic, grazie alla posa di tavoli e sedute.

Nei giorni scorsi intanto i tecnici del Comune hanno avuto un primo incontro con la ditta aggiudicataria per definire gli aspetti organizzativi dell’intervento e nei prossimi giorni sarà definita anche la data di avvio del cantiere, già stimato per l’autunno. In corso appunto l’affidamento di un nuovo incarico a un agronomo che seguirà le parti di lavorazione relative al verde, considerato, spiega Palazzo Broletto, «che sono emerse preoccupazioni a più riprese in vista dell’avvio delle lavorazioni».


© RIPRODUZIONE RISERVATA