Lodi, un 34enne scompare nel nulla, un appello anche dal Dg dell’Ospedale di Melegnano
Giorgio Medaglia

Lodi, un 34enne scompare nel nulla, un appello anche dal Dg dell’Ospedale di Melegnano

Ore d’ansia per Giorgio Medaglia. La mamma: «È un buono, deve assumere tutte le sere un farmaco». Cordone, sotto la cui direzione lavora la madre, si unisce alla preoccupazione: «Torna a casa!»

Ore d’ansia a Lodi per Giorgio Medaglia, un ragazzo di 34 anni che è scomparso da casa nella notte tra domenica e lunedì scorso. La mamma, che vive con lui in zona Albarola, si è alzata verso le 4 e ha notato che non era a letto.

La sua scomparsa è stata subito denunciata ai carabinieri della stazione cittadina. Lo scooter e gli effetti personale di Giorgio sono stati ritrovati nel corso della giornata di lunedì dietro il supermarket Lidl in viale Milano.

«Giorgio è un ragazzo molto buono - racconta la mamma Ombretta Meriggi, infermiera all’ospedale di Vizzolo Predabissi -; non vorrei avesse fatto un brutto incontro».

Il 34enne è in cura al Centro psicosociale di Lodi e deve assumere tutte le sere un farmaco: in questi giorni, dunque, è senza “copertura” e dunque l’apprensione di famigliari e operatori è doppia. In questi giorni, Giorgio stava attendendo la chiamata per iniziare un lavoro proprio all’interno del Cps, come punto di collegamento tra pazienti e personale medico.

Chi avesse informazioni utili può contattare direttamente il 112.

«Giorgio per favore torna a casa. Ci sono tantissime persone, a partire dalla tua famiglia, che ti vogliono bene e ti aspettano”. Anche il direttore generale dell’Asst di Melegnano e della Martesana, Angelo Cordone (la mamma di Giorgio lavora come infermiera nel reparto di Cardiologia di Vizzolo) si unisce all’appello per ritrovarlo. «Chiunque avesse elementi utili - continua il Dg Cordone - contatti direttamente i carabinieri».


© RIPRODUZIONE RISERVATA