Lodi, prima una sezione e poi l’altra: adesso tutta la scuola materna di Campo Marte è chiusa per covid
La scuola materna di Campo di Marte

Lodi, prima una sezione e poi l’altra: adesso tutta la scuola materna di Campo Marte è chiusa per covid

Sei positività tra bimbi e personale, avviate le sanificazioni

Sei casi di contagio, chiusa da ieri la scuola dell’infanzia di Campo Marte. La misura durerà almeno fino al 5 novembre, dopo che sono stati riscontrati 6 casi positivi al tampone per il Covid-19 nelle due sezioni “verde” e “azzurra”, tra alunni e personale. «A comunicarlo lo stesso Comune di Lodi. In attesa di comunicazione ufficiale da parte di Ats Milano Città Metropolitana che non è ancora pervenuta alla scuola - fa sapere il Broletto -, la decisione è stata presa in via cautelativa dalla dirigente scolastica Caterina Guerini, che ha ricevuto le segnalazioni di positività al tampone da parte delle famiglie e del personale scolastico». La scuola di Campo Marte è frequentata da 42 bambini. Gli insegnanti sono 8 di cui 3 di sostegno, oltre a un’educatrice. Gli alunni e il personale scolastico della sezione “azzurra” sono stati sottoposti alla misura di isolamento già a partire da giovedì 22 ottobre e potranno tornare in aula presumibilmente entro il 5 novembre, mentre la sezione “verde” rimarrà chiusa circa fino al 9 novembre, data entro la quale si prevede esaurito il periodo di quarantena. «Siamo stati tempestivamente avvertiti della situazione dalla dirigente Guerini, che ringraziamo per la costante collaborazione e per aver avvisato le famiglie in modo altrettanto celere - commentano la prima cittadina Sara Casanova e la collega di giunta Giusy Molinari -. Essendo venuta a conoscenza di alcuni casi di positività, la dirigente ha ritenuto opportuno disporre la chiusura prima della sezione “azzurra” e successivamente di quella “verde”. Per quanto la decisione di procedere alla completa, benché temporanea, sospensione delle attività in uno dei nostri istituti, il primo a Lodi, sia stata difficile e ci preoccupi, anche alla luce del crescente numero di contagi nelle nostre scuole, riteniamo che sia stata giusta e inevitabile in un contesto così delicato e rischioso per la salute dei nostri bambini e di conseguenza delle famiglie. Siamo consapevoli del sacrificio che nei prossimi giorni i genitori dovranno affrontare per la gestione dei figli a casa, ma certi che, una volta superato il periodo di quarantena, i piccoli potranno tornare a scuola e proseguire l’attività in un ambiente sicuro». Ieri, è rimasta a casa anche una sezione della scuola dell’infanzia di Salerano.


© RIPRODUZIONE RISERVATA