LODI Nuova pavimentazione in corso Vittorio Emanuele
Cantieri in vista per corso Vittorio Emanuele

LODI Nuova pavimentazione in corso Vittorio Emanuele

Palazzo Broletto annuncia l’intervento sul porfido di una delle strade dello shopping cittadino

È la via dello shopping e dei servizi e biglietto da visita per l’accesso al cuore della città. Attenzioni speciali - nell’estate 2021 - per la pavimentazione di corso Vittorio Emanuele II, obiettivo principale del programma di “cure” dedicato al porfido del salotto buono cittadino nel corso dell’estate alle porte. Le priorità di intervento dell’amministrazione Casanova sono in via di definizione, ma una prima indicazione è arrivata ieri. «Dopo le corpose sistemazioni che hanno già interessato lo scorso anno ampie zone del centro storico, in particolare le vie Solferino e delle Orfane, piazza della Vittoria e piazza Ospitale, proseguiamo nel 2021 l’opera di riqualificazione e messa in sicurezza delle pavimentazioni di pregio, con un occhio di particolare riguardo a corso Vittorio Emanuele, uno degli assi portanti del commercio e dei servizi cittadini», è l’annuncio che arriva dal sindaco di Lodi Sara Casanova. «Il tratto viario presenta sconnessioni e avvallamenti, causati dall’usura e dal passaggio dei mezzi, che richiedono cure importanti - spiega Claudia Rizzi, assessore ai lavori pubblici - . Dedicheremo buona parte dei 49.500 euro disponibili al rifacimento di consistenti porzioni della sede stradale. All’attenzione rivolta a Corso Vittorio, si aggiunge quella dedicata alla riqualificazione di via Seravalle, nell’ambito del Piano Lombardia, e ai ripristini puntuali nel centro storico». I lavori, come annuncia l’assessore alla mobilità Alberto Tarchini, partiranno i primi di agosto. Gli interventi sono affidati alla ditta Fratus srl e partiranno alla riapertura di via Incoronata, dopo la rimozione della gru posizionata per il restauro del tempio civico, e proseguiranno per tutto il mese. «L’avanzamento del cantiere comporterà inevitabilmente alcuni disagi per il transito - prosegue Tarchini - abbiamo però cercato di ridurli al minimo, prediligendo il periodo di chiusura estiva delle attività e di ferie per molti dei nostri concittadini. Adotteremo naturalmente tutti gli accorgimenti necessari a preservare il passaggio ciclopedonale e individueremo percorsi alternativi per i mezzi, qualora ve ne fosse la necessità».


© RIPRODUZIONE RISERVATA