LODI L’invasione dei monopattini: «Ecco le regole per condurli»
La scena dell’incidente avvenuto giovedì in via della Marescalca (Foto by Agosti)

LODI L’invasione dei monopattini: «Ecco le regole per condurli»

Dopo l’incidente con il 41enne ferito cresce l’allarme

Rimangono critiche le condizioni di B.A., il 41enne residente in città investito nel pomeriggio di giovedì in via della Marescalca. L’uomo aveva appena imboccato il tratto di via che collega a viale Europa: dopo la svolta da via Bruno Buozzi, lo scontro con la Kia di un 45enne. B.A. si trovava sul monopattino elettrico insieme ad un amico rimasto illeso, mentre lui ha riportato un forte trauma cranico dopo aver sbattuto sul parabrezza dell’auto. Oltre infatti a ciò, il 41enne non ha riportato fratture o contusioni di grave entità. Subito soccorso, è stato portato in codice rosso all’ospedale dov’è tuttora ricoverato in prognosi riservata in terapia intensiva. Ancora presenti ieri sull’asfalto di via della Marescalca i segni dell’incidente, tra pezzi di monopattino, trascinato poi per pochi metri dall’automobilista subito fermatosi, e le tracce dei rilievi della polizia locale accorsa sul posto. Proprio gli agenti sono ancora al lavoro per ricostruire l’esatta dinamica dei fatti: secondo quanto appreso però non vi sarebbero molti dubbi su una mancata precedenza concessa da chi arrivava da via Buozzi, con l’auto che non ha potuto evitare quindi il monopattino appena immessosi in via della Marescalca. Le indagini intanto continuano, nella speranza di buone notizie in arrivo dalle sale dell’ospedale Maggiore. In città quello di giovedì è il primo grave incidente che vede coinvolti monopattini elettrici. Anche su tutto il territorio provinciale è risicato il numero di sinistri, ma, alla notizia dell’investimento di B.A., in tanti hanno lamentato le condizioni di sicurezza assai limitate, sia per chi conduce il mezzo sia per automobilisti e autotrasportatori che si trovano a passare al loro fianco. Una situazione ben nota a tutti. E proprio giovedì, alcune ore prima del sinistro, il Comune di Lodi Vecchio sui propri canali informativi, tra social e sito internet istituzionale, aveva pubblicato le norme da rispettare nella conduzione dei monopattini stessi. Tra le più importanti, il divieto di guida ai minori di 14 anni e l’obbligatorietà del casco nella fascia 14-18, oltre al divieto di superare i 25 km/h su strada e i 6 lungo le aree pedonali. Tra le altre norme anche il divieto di farsi trainare da altri veicoli o trasportare passeggeri, l’avere indosso il giubbotto retroriflettente se la visibilità è scarsa.


© RIPRODUZIONE RISERVATA